Aiello (M5S e Calabria Civica), “ripartire dai borghi e dai beni comuni” · Calabria Page CalabriaPage

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Aiello (M5S e Calabria Civica), “ripartire dai borghi e dai beni comuni”

«Ripartire dai borghi e farlo sul serio e non come avrebbe dovuto e potuto fare in questi 5 anni Oliverio che invece si è limitato alla sola propaganda».

Il candidato alla presidenza della Regione Calabria con la coalizione civica del Movimento 5 stelle, Francesco Aiello interviene sul tema dei borghi e delle aree rurali. «Lo stato di totale abbandono e degrado della quasi totalità dei borghi calabresi è senza dubbio frutto di una politica scellerato di chi ha governato questa Regione negli anni. Finanziamenti a pioggia e nessun intervento strutturale in grado di risollevare e valorizzare l’immenso patrimonio costituito dai borghi, storicamente il baricentro socio-economico delle nostre aree rurali. Due esempi su tutti danno la misura dell’assoluta mancanza di visione e di concreta volontà di cambiare le cose da parte di chi ha governato fino ad oggi la Regione Calabria: il famoso bando da 100mila euro sulla valorizzazione dei borghi a cui è seguito un tour propagandistico, un bluff targato Oliverio che illudeva i sindaci di poter cambiare le sorti dei propri centri con poche migliaia di euro. E mentre si promettevano risorse che mai sarebbero arrivate, la Regione registrava un forte ritardo con l’attuazione delle politiche di sviluppo delle aree interne. Un importante investimento a valere sul Por 14-20 che poteva già essere in una fase attuativa e per il quale non si è nemmeno siglato alcun accordo territoriale e, di conseguenza, non sono stati pianificati gli investimenti a favore delle strategie regionali e nazionali per lo sviluppo delle aree interne. Oggi la Calabria si ritrova dunque un patrimonio enorme di terreni e fabbricati dimenticati, abbandonati, tuttavia dal grande potenziale se reinseriti sistemicamente nel circuito economico e sociale calabrese».

«Da qui ci proponiamo di partire – propone Aiello – da un capitale fisico d’impresa immediatamente disponibile per le attuali e future filiere economiche della regione. Un capitale che deve essere censito, recuperato e redistribuito a chi vuole fare impresa, a chi si vuole occupare di Beni Comuni e attraverso un Regolamento Regionale dei Beni Comuni sarà facilitato l’accesso al capitale fisico da parte di soggetti imprenditoriali, prevedendo misure di microcredito e vantaggi fiscali. E’ possibile ridisegnare lo sviluppo della Calabria partendo da un nuovo approccio al problema-risorsa dei borghi e noi sappiamo come fare» – conclude Aiello.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità

Privacy Preference Center

Necessary

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookie. Queste informazioni potrebbero riguardare te, le tue preferenze o il tuo dispositivo e sono principalmente utilizzate per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito Web. Poiché rispettiamo il tuo diritto alla privacy, puoi scegliere di non consentire alcuni tipi di cookie. Fai clic sulle diverse intestazioni delle categorie per saperne di più e modifica le nostre impostazioni predefinite. Tuttavia, il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire sulla tua esperienza di navigazione e sui servizi che siamo in grado di offrirti.

Advertising

Analytics

Google Analytics - I cookie statistici aiutano i proprietari del sito Web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gat, _gid

Other