M5S, “Parole guerriere” a Lamezia Terme, relaziona il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico · Calabria Page LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

M5S, “Parole guerriere” a Lamezia Terme, relaziona il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Sbarca a Lamezia Terme “Parole guerriere”, il ciclo di seminari di approfondimento politico-culturale che, partendo da un celebre discorso pubblico di Beppe Grillo, la deputata M5s Dalila Nesci ha ideato nel 2017 e poi promosso alla Camera e per l’Italia insieme al filosofo italiano Marco Guzzi. L’iniziativa in Calabria – informa un comunicato stampa – è prevista alle ore 17,30 del prossimo 9 marzo, al Grand Hotel di Lamezia Terme. Intitolato “Quale cambiamento?”, il seminario aperto al pubblico sarà coordinato da Domenico Giannino, ricercatore della University of London, con relazioni, oltre a quelle di Nesci e Guzzi, del senatore pentastellato Nicola Morra, presidente della commissione bicamerale Antimafia, e del docente universitario Pasquale Tridico, “padre” del Reddito di cittadinanza introdotto dal Movimento 5stelle. Nesci, peraltro componente della stessa commissione Antimafia, anticipa i contenuti dell’appuntamento lametino: «La Calabria è terra di pensiero, da Pitagora a Tommaso Campanella, passando per Gioacchino da Fiore. L’obiettivo che ci prefiggiamo è di alimentare una consapevolezza diffusa riguardo al ruolo della nostra regione nel quadro delle trasformazioni culturali, politiche, tecnologiche ed economiche in atto nel mondo, fornendo elementi di riflessione e stimoli concreti per agevolare pratiche di buon governo, di giustizia sociale, emancipazione, riscatto e libertà».

A “Parole guerriere”, precisa il comunicato, tra gli altri hanno finora partecipato il presidente della Camera, Roberto Fico, il sindaco di Roma, Virginia Raggi, il senatore e giornalista Gianluigi Paragone, i ministri Luigi Di Maio e Alberto Bonisoli e l’ex preside della facoltà di Filosofia dell’Università di Pisa, Alfonso Maurizio Iacono.

Commenta

pubblicità