"Viaggio tra i destini paralleli della mia terra" del lametino Antonio Cannone fra i libri più belli d'Italia. In finale al concorso letterario "Tre Colori-Inventa un Film" | Calabria PageCalabria Page

Calabria Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

pubblicità AdSense

“Viaggio tra i destini paralleli della mia terra” del lametino Antonio Cannone fra i libri più belli d’Italia. In finale al concorso letterario “Tre Colori-Inventa un Film”

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – “Viaggio tra i destini paralleli della mia terra” del giornalista e scrittore lametino, Antonio Cannone è fra i 200 libri più belli d’Italia. Questo, secondo la giuria del Concorso letterario “Tre Colori” nell’ambito del Festival “Inventa un Film” che si svolge da 21 anni a Lenola in provincia di Latina.

Il libro di Cannone, che riceve l’ennesimo riconoscimento, è stato selezionato con altre opere per contendersi la finale che si terrà nel mese di dicembre. Il comitato di selezione è composto da una decina di istituzioni culturali (biblioteche, centri culturali, sistemi bibliotecari) tra cui Domus Cultura Genova, Biblioteca comunale “Federico Pezzella” di Santa Maria Capua a Vetere, Biblioteca Comunale Cavense, Biblioteca comunale di Lenola ed altre sparse su tutto il territorio nazionale, oltre che da membri dell’Associazione Culturale Cinema e Società di Lenola, organizzatrice del concorso e da numerosi lettori e comitati di lettura.

Il libro parla dell’uomo e delle alchimie che sottendono la vita di ogni essere. Si accosta alle tematiche care a Pasolini e Zavattini.

Racconta di storie che si muovono dal Sud, dove la mafia controlla il territorio ed è infiltrata nelle istituzioni. Un libro che ha un’impronta letteraria divisa tra narrativa e saggio e affronta temi universali. Un “viaggio” che è una metafora dell’uomo alle prese con la propria esistenza e con quella del suo simile, tra amore e morte, passioni, dubbi e poteri occulti. Fino e all’eterno interrogativo che riguarda la nostra stessa presenza su un pianeta sempre più ostaggio di quella che Bauman definiva “Società liquida”.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

Pubblicità AdSense

pubblicità

pubblicità Viralize