Lamezia, resistenza a pubblico ufficiale, obbligo di dimora domiciliare per 39enne | Calabria PageCalabria Page

Calabria Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

pubblicità AdSense

Lamezia, resistenza a pubblico ufficiale, obbligo di dimora domiciliare per 39enne

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Nella nottata dello scorso quattro marzo personale della Squadra Volanti del Commissariato P.S. di Lamezia Terme ha arrestato in flagranza di reato, C. G., di anni 39 di Lamezia Terme, in quanto responsabile di resistenza a pubblico ufficiale.

Intorno alle ore 02:45, durante il turno di servizio, un equipaggio della Squadra Volanti, in un incrocio stradale di Lamezia Terme aveva notato un’autovettura svoltare senza rispettare la luce rossa del semaforo.

La pattuglia della Volante aveva intimato l’ALT ed acceso il lampeggiante ma l’uomo alla guida dell’autovettura aveva tentato di speronare la macchina della Polizia, non riuscendoci solo perché evitato dal personale operante. Poi l’uomo, sempre a bordo della sua autovettura, era fuggito a forte velocità a zig zag lungo le vie della città, rischiando anche di investire un pedone, del quale aveva speronato l’autovettura in panne. La corsa era cessata solo quando l’auto aveva imboccato una strada senza uscita, dove la Volante, che aveva continuato l’inseguimento, era finalmente riuscita ad identificare ed arrestare l’uomo alla guida dell’autovettura.

Negli uffici di Polizia, il conducente era stato sottoposto ad accertamento con etilometro che era risultato negativo.

C.G., tossicodipendente e già colpito da avviso orale, con precedenti di Polizia per vari reati, risultava avere la patente di guida sospesa dal 21.01.2020, pertanto gli erano state contestate anche le violazioni al codice della strada ed il veicolo sottoposto a sequestro amministrativo e fermo amministrativo per 3 mesi.

Il Sost. Procuratore della Repubblica di Lamezia Terme, dr.ssa Marica Brucci ha richiesto la convalida dell’arresto e l’applicazione di idonea misura cautelare.

Nella mattinata successiva il Tribunale di Lamezia ha convalidato l’arresto e ha disposto nei confronti di C.G. la misura cautelare dell’obbligo di dimora presso la sua abitazione con divieto di allontanamento notturno dalle ore 21,00 alle ore 8,00.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

Pubblicità AdSense

pubblicità

pubblicità Viralize