'Ndrangheta: ritrovamento armi riconducibili a cosca nel vibonese. Eseguiti 4 arresti, 3 già in carcere | Calabria PageCalabria Page

Calabria Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

pubblicità AdSense

‘Ndrangheta: ritrovamento armi riconducibili a cosca nel vibonese. Eseguiti 4 arresti, 3 già in carcere

VIBO VALENTIA – I carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Vibo Valentia hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip distrettuale di Catanzaro, su richiesta della Dda, a carico di quattro persone coinvolte in due consistenti ritrovamenti di armi risalenti al 2019 ed al 6 febbraio scorso.
Gli arrestati sono Francesco Antonio Pardea, Marco Ferraro e Filippo Di Miceli, già detenuti perché arrestati nel dicembre scorso nell’operazione “Rinascita-Scott” e presunti appartenenti alla cosca “Pardea-Ranisi”, e la moglie di Di Miceli, posta ai domiciliari e della quale non é stata resa nota l’identità.
Le armi al cui ritrovamento si collegano gli arresti, fucili automatici, pistole, munizioni e giubbotti anti-proiettili, dovevano essere utilizzate per uccidere Rosario Pugliese, attualmente latitante e presunto affiliato alla cosca rivale dei “Cassarola”.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

Pubblicità AdSense

pubblicità

pubblicità Viralize