Mario Occhiuto rinviato a giudizio per bancarotta fraudolenta. Il sindaco: “Il processo chiarirà la mia totale estraneità” · Calabria Page CalabriaPage

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Mario Occhiuto rinviato a giudizio per bancarotta fraudolenta. Il sindaco: “Il processo chiarirà la mia totale estraneità”

COSENZA – Il sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, é stato rinviato a giudizio con l’accusa di bancarotta fraudolenta. Lo ha deciso il Gup nell’ambito del procedimento penale sul fallimento della società “Ofin”, di cui Occhiuto é stato amministratore fino al 2011.
La bancarotta di cui é accusato il sindaco di Cosenza ammonta a tre milioni di euro. La prima udienza del processo é stata fissata per il 2 aprile del 2020. Occhiuto è stato proposto da Forza Italia alla presidenza della Regione Calabria.

“Era previsto, ma sono certo che il processo chiarirà la mia totale estraneità ai fatti contestati”.
Lo ha detto all’ANSA il sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, in relazione al suo rinvio a giudizio con l’accusa di bancarotta fraudolenta.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

pubblicità