Ricadi, abbattono querce secolari in terreno privato: un arresto e due denunce · Calabria Page LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Ricadi, abbattono querce secolari in terreno privato: un arresto e due denunce

RICADI (VIBO VALENTIA) – Nella mattinata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Spilinga, mentre pattugliavano il territorio della giurisdizione, hanno notato tre soggetti all’interno di un fondo privato sito nell’agro del Comune di Ricadi.

L’atteggiamento furtivo dei predetti e l’ingiustificata presenza in un’area a loro non riconducibile ha indotto i militari a procedere al controllo.

In quel frangente, i Carabinieri hanno proceduto ad indentificare i tre soggetti in PAPARATTO Antonio, nato a Ricadi il 17.01.1971, pluripregiudicato, e neicongiunti CORSO Giuseppe cl. 51 e CORSO Michelangelo cl. 84.

In particolare, i militari hanno colto i soggetti intenti ad abbattere alcune querce secolari di elevato valore commerciale e paesaggistico e a sezionarne i tronchi attraverso strumenti meccanici. I tre individui, infatti, avevano già proceduto a caricare su un rimorchio oltre 50 quintali di legname al fine di asportarlo definitivamente.

PAPARATTO Antonio, pertanto, è stato tratto in arresto in flagranza per il reato di furto aggravato in concorso e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato tradottopresso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo presso il Tribunale di Vibo Valentia.

I congiunti CORSO, invece, in considerazione del ruolo marginale ricoperto nell’azione delittuosa sono stati deferiti in stato di libertà per il medesimo reato

Il legname, infine, è stato restituito al legittimo proprietario.

Commenta

pubblicità