'Ndrangheta, c'è un bambino di 11 anni che fa tremare i mafiosi | Calabria PageCalabria Page

Calabria Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

pubblicità AdSense

‘Ndrangheta, c’è un bambino di 11 anni che fa tremare i mafiosi

ragazzo-dietro-finestraREGGIO CALABRIA. Nella piana di Gioia Tauro c’è un bambino di 11 anni che fa tremare mafiosi e potenti. Lo racconta l’edizione odierna di Repubblica. È stato abituato a maneggiare pistole sin da quando era piccolo piccolo, sa bene cos’è la droga e come si chiede il pizzo. Il suo era un destino segnato, sarebbe diventato uno di loro, un picciotto delle ‘ndrine. È stato anche per questo, per salvare lui e i suoi due fratelli, che sua madre – pochi mesi dopo che i carabinieri avevano arrestato suo padre – ha deciso di collaborare con la giustizia.

Ma adesso anche lui, Nicola (il nome è di fantasia) vuole dare il suo contributo e da settimane riempie verbali su verbali davanti al sostituto procuratore della Dda di Reggio Calabria Giulia Pantano. “Certo che so cosa fa un mafioso, è uno spacciatore, spara, è normale… Nel paese ho sentito parlare di ‘ndrangheta da tutti, pure i miei amici grandi”.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

Pubblicità AdSense

pubblicità

pubblicità Viralize