Lamezia, docenti e alunni dell'IC "Borrello Fiorentino" incontrano online gli scrittori e blogger Jessica Mastroianni e Marcello Affuso | Calabria PageCalabria Page

Calabria Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

pubblicità AdSense

Lamezia, docenti e alunni dell’IC “Borrello Fiorentino” incontrano online gli scrittori e blogger Jessica Mastroianni e Marcello Affuso

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Un incontro intenso ed emozionante, ricco di interessanti spunti, ma anche di colpi di scena, si è svolto on-line mercoledì 20 maggio tra gli alunni dell’IC “Borrello-Fiorentino”, i docenti e gli scrittori e blogger Jessica Mastroianni e Marcello Affuso.

«È stata una sfida, una tracotante caparbietà, quella di inaugurare in questa emergenziale stagione formativa la possibilità di interrompere la difficoltosa routine della didattica a distanza, inserendo uno stacco. Lo stacco che è stato scelto è quello che appartiene alla specifica identità e vocazione dell’Istituto: la presentazione di un libro – ha detto la preside Angela De Carlo – Sembrava quasi che questo “Maggio dei libri” dovesse trascorrere senza lasciare il segno, invece la caparbietà ha avuto la meglio e ha tramutato una sfida in una magica sorpresa».

In tempo di Covid-19 gli organizzatori hanno superato tutti gli ostacoli tecnici e le enormi difficoltà insite nel dare forma a un evento “virtuale”, del resto l’occasione era troppo ghiotta!

La possibilità di far conoscere ai giovanissimi studenti del comprensivo due giovani autori di un racconto davvero attuale non è sfuggita alla dirigente scolastica, felice a fine evento di aver vinto questa sfida e di essere riuscita a catturare l’attenzione dei suoi allievi, che con entusiasmo hanno chiesto ai due scrittori un incontro reale nell’Istituto quando questa fase pandemica sarà terminata.

L’attualità del romanzo “A un passo da te” di Jessica Mastroianni e Marcello Affuso era quasi inaspettata, al punto d’andare oltre l’attualità tipica di ogni opera. Un’attualità riscontrata non solo nella modalità con la quale tale potenziale diario delle vite di ognuno è stato scritto, ma è anche nel titolo quasi profetico e preveggente dell’opera.

Una mattina intensa e profonda, ricca e sfaccettata, che si è protratta più del dovuto grazie all’interesse e alla curiosità che gli alunni hanno dimostrato nel confrontarsi con la lametina e il partenopeo, in cui si sono trattate tematiche attualissime, ma anche intrecciati ricordi ed emozioni di sempre. Una mattinata in cui molteplici radici si sono incontrate e confrontate.

Presenti tra gli intervenuti: l’Assessore alla Cultura del Comune di Lamezia Terme, la dottoressa Giorgia Gargano, che ha apprezzato molto l’iniziativa e ha portato i saluti di tutta l’Amministrazione comunale; il Dirigente Scolastico Tommaso Cristofaro, che ha messo in risalto quanto portante sia per i giovani nativi digitali comprendere le sane potenzialità di questo strumento, il cui uso in questi tempi anche di generazioni più adulte ha fatto sì che si avvicinassero le distanze con i più giovani; il Dirigente Raoul Elia, che sottolineato positivamente la vivace partecipazione di tutti, cogliendo anche l’occasione per invitare nel proprio comprensivo Jessica e Marcello. Non è mancato neppure il presidente Giacinto Gaetano, anche lui interessato a una presentazione del libro al Sistema Bibliotecario Lametino. Intervenuto, poi, il Luogotenente Domenico Medici, una figura di grande prestigio del territorio che sta collaborando attivamente con l’istituzione.

Tutti i docenti presenti hanno apprezzato sia lo spessore umano dell’incontro, sia la sua organizzazione curata impeccabilmente dal punto di vista tecnico dalla Prof.ssa Giovanna Di Cello, che nel suo ruolo di animatrice digitale ha monitorato tutte le fasi dell’evento. Emozionante è stato l’incontro virtuale di Jessica con la sua insegnante di scuola elementare durante il dibattito: la maestra Serra ha ricordato la timidezza, ma al medesimo tempo il rigore della sua piccola alunna, ormai diventata donna.

«Marcello Affuso è stato un colpo di scena ed una scoperta per la sua ironia, la sua sagacia e la sua simpatia. Un napoletano doc – ha commentato la preside De Carlo – così come Jessica Mastroianni, con la sua solita eleganza e raffinatezza da ragazza che sembra non essere di questa generazione».

Una mattinata che lascia il segno nelle coscienze. Una mattinata che, se da un lato ha entusiasmato, da un altro ha fatto ancora di più apprezzare la bellezza e la pienezza degli incontri reali.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

Pubblicità AdSense

pubblicità

pubblicità Viralize