Corigliano Rossano, operai protestano su ciminiera centrale termoelettrica. Scaduto contratto a termine e licenziati, chiedono assunzione | Calabria PageCalabria Page

Calabria Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

pubblicità AdSense

Corigliano Rossano, operai protestano su ciminiera centrale termoelettrica. Scaduto contratto a termine e licenziati, chiedono assunzione

CORIGLIANO ROSSANO (COSENZA) – Due operai assunti con contratto a termine dalla ditta campana Sait, che lavora nell’indotto dell’ex centrale termoelettrica Enel di Corigliano Rossano, sono saliti per protesta sulla ciminiera alta 105 metri dove sono posizionati gli impianti di turbogas.
I due, di 40 e 46 anni, hanno lavorato fino a poco tempo fa per conto dell’impresa che si occupa della messa in sicurezza dell’ex centrale, ma il contrato non è stato rinnovato.
Muniti di mascherina, stanno manifestando per chiedere di essere riassunti anche con un’altra mansione nell’indotto della centrale. Sul posto ci sono le forze dell’ordine e i vigili del fuoco.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

Pubblicità AdSense

pubblicità

pubblicità Viralize