Rende, non si arresta l'onda lunga della solidarietà per le famiglie bisognose | Calabria PageCalabria Page

Calabria Page Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

pubblicità AdSense

Rende, non si arresta l’onda lunga della solidarietà per le famiglie bisognose

RENDE (COSENZA) – Non si arresta l’onda lunga della solidarietà che “non conosce confini”. Ne è certo il sindaco di Rende Marcello Manna che, insieme all’assessore alle politiche sociali Annamaria Artese, si è impegnato in prima persona affinché il gruppo di associazioni di volontariato che già da giorni distribuisce nell’area urbana pasti e generi di prima necessità alle famiglie più bisognose: “abbia assicurata ogni forma di supporto necessaria a garantire un servizio fondamentale in questa situazione di emergenza”.

Sindaco e assessore hanno chiesto l’aiuto da parte delle aziende di distribuzione di generi alimentari e in tanti hanno già risposto in maniera positiva accogliendo l’invito da parte del comune di Rende. “Sia Contè, primo a rispondere al nostro appello, che il gruppo Az per l’Ipercoop di Rende, l’azienda Rizzo per la Conad, Torre di Mezzo e la Lidl, hanno messo a disposizione generi alimentari necessari alla preparazione dei pasti e alla distribuzione della spesa dimostrando grande senso di responsabilità sociale. In queste ore attendiamo il contributo di altre aziende”, ha proseguito il primo cittadino che ha aggiunto come: “anche la ditta Palazzo dei sarti si è prodigata donando delle mascherine per i meno abbienti”.

“In questa catena della solidarietà –spiega Annamaria Artese- siamo solo un anello: provvediamo al ritiro della merce che poi distribuiamo ai volontari. La nostra città si è sempre distinta per accoglienza e fratellanza: oggi, più che mai, è fondamentale il sostegno da parte di tutti. Questi ragazzi ci dimostrano, quotidianamente e con grande sacrificio, che un nuovo umanesimo non solo è possibile, ma necessario”.

“Siamo arrivati a distribuire circa 320 pasti al giorno –fa sapere Francesco Chiarello della Terra di Piero- e, nonostante la mole di lavoro aumenti di giorno in giorno, cerchiamo di accontentare tutte le richieste che ci pervengono dall’area urbana. Vi invitiamo dunque, oltre a segnalarci le richieste da parte delle famiglie più bisognose, di supportarci in ogni maniera”.

Antonio Schettino della Croce Rossa Italiana invece ha attivato la sua squadra di volontari per: “distribuire farmaci e generi di prima necessità agli anziani, agli immunodeficienti, a chi è posto in quarantena obbligatoria. Inoltre stiamo garantendo ai pazienti affetti da COVID-19 ricoverati nel nosocomio dell’Annunziata l’invio da parte dei familiari di ciò che occorre per la degenza in ospedale”.

Un’onda lunga, dunque, quella della solidarietà nell’area urbana: “per far sì che funzioni –ha concluso il sindaco- è necessario l’aiuto e il sostegno dell’intera comunità: per questo stamane abbiamo sottoscritto un protocollo d’intesa con la Terra di Piero e la Croce Rossa che tuteli gli enti e garantisca una maggiore serenità ai nostri volontari” ha concluso il sindaco.

Commenta

ti potrebbe interessare anche...

Pubblicità AdSense

pubblicità

pubblicità Viralize