Orsomarso (FDI): esclusi dai finanziamenti “Appartamenti ammobiliati a uso turistico” introdotti dalla legge Orsomarso · Calabria Page LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Orsomarso (FDI): esclusi dai finanziamenti “Appartamenti ammobiliati a uso turistico” introdotti dalla legge Orsomarso

Occasione persa anche stavolta per finanziare gli “Appartamenti ammobiliati a uso turistico”. Questi, infatti, non figurano tra i beneficiari dell’ “Avviso pubblico per il sostegno alle attività ricettive, della ristorazione e dei servizi turistici e culturali della Calabria”, nonostante finalità del bando sia potenziare e qualificare le strutture ricettive extralberghiere dei borghi calabresi.

Eppure, gli “Appartamenti ammobiliati a uso turistico” introdotti tra le attività ricettive extralberghiere con L.R. 20/2015, cd. Legge Orsomarso,rappresentano la categoria extralberghiera più importante in Calabria in termini di capienza ed escluderli dai finanziamenti, anche stavolta, è una mortificazione per tutto il comparto turistico. Bene i finanziamenti alle altre categorie ricettive extralberghiere, che almeno potranno adeguare i propri livelli qualitativi ai nuovi standard introdotti dalla Legge Orsomarso, ma escludere dai finanziamenti le seconde case significa non voler intervenire seriamente sull’offerta turistica. Ed è una grave mancanza, perché le seconde case calabresi, utilizzate per accogliere turisti, rappresentano il patrimonio immobiliare più imponente e in grado di accogliere migliaia e migliaia di ospiti ogni anno. Di certo, le strutture beneficiarie avranno almeno la possibilità di richiedere il finanziamento anche per ottenere elevati livelli di classificazione, da uno a tre sorrisi, in base alle nuove tabelle introdotte dalla L. 20/15, con la evidente conseguenza che il miglioramento qualitativo dell’accoglienza sarà idoneo a garantire un’offerta turistica adeguata e competitiva a livello globale.

In ogni caso, rimane ferma la necessità di perseguire obiettivi di riqualificazione e potenziamento complessivi di tutto il comparto dell’accoglienza per un rafforzamento della competitività turistica della Calabria e, per questo motivo, non può più protrarsi l’attesa di reperire adeguate risorse per il miglioramento qualitativo dell’accoglienza residenziale, partendo proprio dal patrimonio immobiliare delle seconde case. Come ribadito in più occasioni, il turista residenziale, cioè colui che trascorre le proprie vacanze alloggiando in appartamento e che interagisce con il territorio ospitante a 360°, liberando risorse, rappresenta una importante fetta della domanda turistica, con ragionevole certezza potremmo anzi affermare che è la fetta maggiore del turismo calabrese e che, pertanto, merita di essere adeguatamente soddisfatta. L’indotto è garantito e maggiore è il livello qualitativo della offerta, tanto più elevato sarà il livello qualitativo della domanda. Oggi, questa tipologia di accoglienza, che ha finalmente uno strumento normativo di riferimento, necessita di congruo sostegno economico per raggiungere la massima qualità possibile, nel rispetto dei parametri introdotti dalla legge stessa, allo scopo di migliorare complessivamente tutto il comparto turistico, nelle sue infinite sfaccettature. Per cui, bene avrebbe fatto il Governo regionale a garantire un sostegno a tutte le strutture ricettive extralberghiere, nessuna esclusa, con un finanziamento congruo, anziché escludere proprio la categoria con la maggior capienza. Ancora una volta si denota la totale inadeguatezza di questo Governo che non vede a un palmo dal proprio naso.

Sono le parole di Fausto Orsomarso, Consigliere Regione Calabria Fratelli d’Italia

Commenta

loading...

pubblicità