Porto di Gioia Tauro, Barbanti: “Inutili soluzioni tampone non salvano il posto di lavoro ai 1200 lavoratori” · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Porto di Gioia Tauro, Barbanti: “Inutili soluzioni tampone non salvano il posto di lavoro ai 1200 lavoratori”

“L’incontro tenuto qualche giorno fa al  Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti teso a discutere  i problemi del Porto di Gioia Tauro ma soprattutto dei lavoratori ha prodotto solo tanti vedremo, faremo, ci attiveremo, vigileremo che non servono ad incentivare l’economia del Porto, figuriamoci a salvare i posti di lavoro.

L’incontro  svolto alla presenza di Mauro Bonaretti, Capo Gabinetto del Ministro Del Rio e quattro dirigenti ministeriali a suo supporto, alla presenza del presidente della Regione Calabria Mario Oliverio, del suo dirigente tecnico, dell’Assessore Regionale competente al ramo Francesco Russo, il Sindaco di Gioia Tauro Giuseppe Pedà, due responsabili dell’Autorità Portuale di Gioia Tauro e diverse sigle sindacali non ha prodotto nulla di rilevante se non aumentare la disperazione dei lavoratori che non vedono sbocchi alla cassa integrazione.

E dire che noi abbiamo già proposto una soluzione che va oltre le ZES e le Zone Franche Urbane, strumento che riteniamo inefficace per l’eccessiva lentezza burocratica e la difficile applicazione, troppo complicate per attrarre investitori e terreno fertile per commercialisti e studi legali.

Da questa consapevolezza nasce l’idea delle API ( Aree per l’Innovazione), una Free Zone  il cui obiettivo politico è quello di stabilire gli obiettivi strategici di sviluppo di una certa area stabilendone le regole affinché si possano attrarre investitori e imprenditori attraverso una burocrazia semplificata, un sistema giuridico semplice e rapido e una fiscalità competitiva rispetto a quella delle zone limitrofe.

Le Api possono coincidere, infatti,  con la riforma dei consorzi industriali che la giunta regionale si appresta a varare, ed unitamente al nuovo Piano operativo regionale, possono rappresentare gli ingredienti giusti per cambiare il destino di una Regione e di questa parte del Paese.

Ribadirò questi aspetti in sede parlamentare non appena verrà calendarizzata la mia interrogazione sul porto di Gioia Tauro, cosa che potrebbe avvenire già la prossima settimana e proporrò la creazione delle API , con un’ emendamento alla legge di Stabilità.

Sebastiano Barbanti, Deputato Alternativa Libera

Commenta

loading...

pubblicità