Assemblea Sindaci, Oliverio: “Istituzioni locali centrali nel nuovo modello di governo” · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Assemblea Sindaci, Oliverio: “Istituzioni locali centrali nel nuovo modello di governo”

 presidente Regione Mario OliverioLAMEZIA TERME (CZ) – Ripartire dai Comuni per affermare un nuovo modello di governo dei territori. È l’ idea concreta, insieme una proposta operativa, lanciata dal presidente della Regione Mario Oliverio a Lamezia dove, nel gremito Centro Agroalimentare, presente la nuova Giunta, ha stamane convocato i sindaci della Calabria.


Una assemblea partecipata, un confronto, quello odierno, servito al presidente della Regione per fornire agli amministratori una approfondita serie di informazioni e focalizzare alcune tra le linee fondamentali che saranno seguite nell’azione di governo in relazione a questioni centrali.
Tra queste, la programmazione 2014-2020; il ciclo dei rifiuti; il ciclo integrato delle acque e la depurazione; il disegno di riordino istituzionale della Regione. Proprio in relazione a quest’ultimo punto, Oliverio ha annunciato la definizione di un nuovo assetto che consenta di ” liberare la Regione dalle funzioni gestionali, esaltare le sue funzioni legislative e di programmazione, per affermare una nuova governance. La premessa per costruire la nuova Calabria, questa, che parta dalla centralità dei territori ed i Comuni. Il nostro obiettivo è quello di fissare entro la fine dell’anno i capisaldi del nuovo ordinamento istituzionale, in un riordino rispondente ai bisogni e alle necessità .”
Il presidente Oliverio ha quindi informato sulla programmazione 2014-2020. ” Come noto- ha riferito- in questi mesi siamo stati impegnati sia per recuperare il tempo perduto sia per modificare il POR in accordo alle osservazioni di Bruxelles. Abbiamo stabilito, per questo, un percorso di lavoro comune e di confronto, giorno per giorno, con gli uffici della Commissione, al fine di arrivare ad un testo condiviso che sarà, nella prima settimana di agosto, riproposto a Bruxelles per la decisione di approvazione, che dovrebbe arrivare entro ottobre. Nella nuova impostazione del POR, i Comuni sono essenziali nella fase attuativa. In particolare, il Programma e’ centrato su una visione territoriale dello sviluppo, in cui le aree urbane, le aree interne e i sistemi insediativi intermedi sono i cardini della strategia di sviluppo.”
Ulteriori punti dell’intervento del presidente della Regione a Lamezia sono stati quelli dei rifiuti e, quindi, delle risorse idriche.
“Due settori- ha detto – nei quali esiste un grave ritardo accumulato nel corso degli anni . Per quel che riguarda il ciclo dei rifiuti , in questi mesi, abbiamo lavorato sodo, non solo per fronteggiare l’emergenza, ma per mettere parimenti in campo un progetto di costruzione di un sistema che dovrà puntare in modo forte sulla raccolta differenziata. I Comuni dovranno essere protagonisti in questo percorso. Anche in Calabria è possibile fare quello che si fa in altre realtà d’Italia e d’ Europa, innescando un circolo virtuoso. Stiamo ora definendo le condizioni di un’ impiantistica moderna. Investiremo in questa direzione che, nella fase della gestione, dovrà vedere il protagonismo delle imprese. Tutto ciò camminerà di pari passo con la definizione degli ambiti, attraverso una legge in cui troverà posto anche un sistema di premialita’ che si tradurrà in risparmi per i cittadini. Anche in tema di risorse idriche – ha affermato ancora il presidente Oliverio- registriamo un ritardo pregresso enorme, che richiede una rimessa a punto anche sul fronte legislativo. ”
Ancora, in tema di depurazione: ” Anche qui- ha sottolineato- abbiamo ritardi che si sono accumulati . Le gare fatte lo scorso anno sono impostate male. Per l’immediato abbiamo definito una programma per i Comuni della costa per fronteggiare questa stagione estiva , ma bisogna affrontare in maniera strutturale e definitiva il problema. Puntiamo a cancellare risorse divorate in modo assolutamente improduttivo, come è il caso della multa di 80 milioni di euro che la Regione ha dovuto pagare all’Unione Europea per le inadempienze in tema di rifiuti e depurazione.”
Chiudendo il proprio intervento- prima di approfondimenti da parte di vari direttori generali della Regione e dei contributi venuti dai molti amministratori presenti- il presidente Oliverio, dopo questa prima iniziativa che ha ricevuto unanime apprezzamento, ha annunciato, per l’autunno, appuntamenti settoriali.

Commenta

loading...

pubblicità