Antonio Caridi (Pdl) a governo, incentivi per il Sud · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Antonio Caridi (Pdl) a governo, incentivi per il Sud

”Apprezzo lo sforzo governativo per gli incentivi alle nuove assunzioni a tempo indeterminato e agli interventi straordinari per l’occupazione giovanile anche in concomitanza degli studi, ma rimangono perplessita”’. Lo ha detto il senatore Antonio Caridi (Pdl) a Palazzo Madama, in merito alla riconversione in legge del Dl 76 riguardante misure di rilancio dell’occupazione giovanile e dell’economia.

”E’ necessario attivare interventi per il rilancio dell’economia, a partire dalla definitiva soluzione del blocco dell’aumento Iva” ha puntualizzato Caridi. Accanto all’apprezzamento per gli indirizzi generali del provvedimento, il senatore ha espresso dubbi in merito ad alcuni interventi del legislatore, a partire dalle modalita’ di spesa dei fondi europei.

”L’articolo 3 del dl – ha affermato – prevede una serie di azioni contro la poverta’ nel Mezzogiorno che sembrano tuttavia dettate, in parte, piu’ dalla necessita’ di accelerare la spesa dei fondi europei che non da una programmazione strutturata effettuata di concerto con le Regioni. Per il Sud del Paese – ha aggiunto – dobbiamo puntare a promuovere il recupero e la riconversione di siti industriali dismessi, anche sottratti alle organizzazioni criminali e presenti negli agglomerati industriali sparsi sul territorio nazionale rivitalizzando aree e strutture che hanno beneficiato in passato di finanziamenti e contributi pubblici non andati a buon fine. A tal fine sarebbe opportuno elaborare azioni di promozione e recupero del patrimonio immobiliare – ha proposto Caridi – per convertire gli opifici industriali in incubatori di imprese da offrire in locazione gratuita, per un periodo massimo di 5 anni, in favore di nuove imprese costituite da giovani o soggetti svantaggiati”. Sugli interventi per il rilancio dell’occupazione giovanile, Caridi ha sottolineato perplessita’ circa alcuni interventi proposti dal dl, a partire dallo ”sconto contributivo ai giovani tra i 18 e 29 anni che si sovrappone con il trattamento contributivo del contratto di apprendistato”. ”Non e’ chiaro – ha puntualizzato – se sia possibile accedere all’istituto in parola in presenza di un precedente rapporto di lavoro a tempo indeterminato e se il concetto di primo rapporto, ovviamente di natura subordinata, possa incontrare un limite temporale nella prescrizione decennale. Per quanto concerne l’acausalita’ contrattuale – ha osservato il senatore Caridi – la contrattazione collettiva anche aziendale puo’ individuare ogni altra ipotesi di acausalita’ senza rispettare l’ambito di un processo organizzativo nel limite complessivo del 6% del totale dei lavoratori occupati nella unita’ produttiva. Difficile diviene anche il raggiungimento della flessibilita’ attraverso la contrattazione. Resta da capire se la contrattazione collettiva in relazione alla delega ricevuta puo’ individuare delle alternative alla ipotesi legale di accesso al contratto privo di causale oppure se essa e’ delegata ad incidere anche sull’ambito temporale di riferimento ampliando il periodo di dodici mesi”. Attenzione, infine, il senatore Pdl l’ha posta sul rischio di rendere alle imprese, mediante commi del dl 76, ”piu’ ampio e facile il ricorso al co.co.pro e aumentare il rischio di elusione della stipula di contratti a tempo determinato”. Antonio Caridi, ha auspicato ”l’elaborazione di nuovi e piu’ incisivi strumenti di rilancio dei consumi anche attraverso la definitiva soluzione del blocco dell’aumento IVA e in relazione alle misure per contrastare la disoccupazione giovanile – ha concluso – concentriamo l’attenzione sull’obiettivo della nostra azione politica che e’ quello di creare un tessuto economico forte, occupazione stabile e l’opportunita’ di crescita professionale per tutti gli italiani”. (ASCA)

Commenta

loading...

pubblicità