Rocca Imperiale, folla oceanica per la Rino Gaetano band, ospite anche quest’anno del festival «Il Federiciano» · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Rocca Imperiale, folla oceanica per la Rino Gaetano band, ospite anche quest’anno del festival «Il Federiciano»

ROCCA IMPERIALE (COSENZA) – È ancora forte e chiara nella mente l’immagine dello straordinario concerto di Fabrizio Moro, che ha aperto il festival “Il Federiciano” con un successo sbalorditivo di decine e decine di migliaia di presenze, quand’ecco che di nuovo si è riversata una folla oceanica sul lungomare di Rocca Imperiale: per ascoltare, questa volta, la Rino Gaetano Band, il gruppo ufficiale che porta in giro, da una punta all’altra dello Stivale, le canzoni del cantautore romano, originario della Calabria.
La band, che aveva già riscaldato migliaia di animi lo scorso anno nella sua prima volta al festival, quest’anno ha ottenuto un risultato record: 10.000 presenze di ogni fascia d’età, pronte a cantare e a ballare queste canzoni amate da più generazioni, e poi bis e ter a gran richiesta. Ad impreziosire l’atmosfera gioiosa c’è stata inoltre la completa soddisfazione da parte della band, che ha ringraziato più volte il pubblico, la famiglia Aletti, composta dall’ideatore del festival Giuseppe, da sua moglie Valentina Meola e dal piccolo Carletto, affermando che, dopo il «Rino Gaetano Day», ovvero il raduno nazionale che ogni anno si svolge in Piazza Sempione a Roma, il concerto di Rocca Imperiale è stato il più partecipato della loro lunga tournée.
L’affiatato gruppo capeggiato dal carismatico nipote del cantautore Gaetano, ovvero Alessandro greyVision, cantante, percussionista, chitarrista, e composto inoltre dal trascinatore Ivan Almadori, l’altra voce della band nonché chitarrista, dai validi Michele Amadori alle tastiere, Fabio Fraschini al basso, Alberto Lombardi alla chitarra elettrica e Marco Rovinelli alla batteria, ha eseguito i grandi successi tra cui Aida. La famosissima canzone dedicata all’Italia, e riprodotta lo scorso anno su una stele di ceramica affissa su una abitazione di Rocca Imperiale, ha compiuto quest’anno 40 anni ed è più attuale che mai.
Così come le altre canzoni di Rino, intelligenti e senza tempo, che coinvolgono tanta gente e anche i giovanissimi, a dimostrazione del fatto che lui «è ancora vivo, è in mezzo a noi, e che è andato solo a dormire».

Commenta

loading...

pubblicità