Rende, arrestato giovane pusher, difendeva piazza di spaccio con radio scanner · Calabria Page LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Rende, arrestato giovane pusher, difendeva piazza di spaccio con radio scanner

RENDE (COSENZA) – Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio disposti dal Comando Provinciale Carabinieri di Cosenza, finalizzati al contrasto del fenomeno dello “spaccio di sostanze stupefacenti”, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Rende, con l’ausilio dei militari della Compagnia di Intervento Operativo del “14° Battaglione Carabinieri Calabria”, hanno tratto in arresto, per i reati di “Detenzione ai fini di Spaccio di Sostanze Stupefacenti” e “Detenzione illegale di arma clandestina” un 25enne di Cosenza.

I militari, nella mattinata di ieri, controllavano il giovane, il quale, a seguito di perquisizione personale, veniva trovato in possesso, occultato all’interno dei jeans, di un involucro in cellophane contenente 1 grammo di “Cocaina”. Gli operanti, pertanto, decidevano di approfondire la perquisizione anche all’abitazione del giovane, sita piazza Caulonia di Cosenza, a seguito della quale rinvenivano:

– 1 pistola cal. 6,35 con matricola abrasa, completa di 7 colpi;

– 1 silenziatore per arma da fuoco;

– 30 grammi di “Cocaina”;

– 13 grammi di “Marijuana”;

– 340 euro in banconote di piccolo taglio;

– 1 cucchiaio intriso di “Cocaina”;

– 2 bilancini e materiale per il confezionamento, tutto sottoposto a sequestro.

Inoltre i militari accertavano che il giovane, al fine di controllare le piazze circostanti ed eludere eventuali controlli, si era dotato di una “radio scanner” per ascoltare le comunicazioni delle Forze dell’Ordine e di un monitor collegato con “4 telecamere di videosorveglianza” installate agli angoli del condominio. L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Cosenza.

Commenta

loading...

pubblicità