Continuano senza sosta le ricerche per ritrovare Niccolò. Stamattina tanta gente comune con vanga e stivali per cercare il bimbo di due anni · Calabria Page LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Continuano senza sosta le ricerche per ritrovare Niccolò. Stamattina tanta gente comune con vanga e stivali per cercare il bimbo di due anni

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Ancora senza esito le ricerche del bambino di due anni disperso dalla serata di giovedì scorso nel nubifragio che, a San Pietro Lametino, ha provocato la morte della mamma Stefania Signore, di 30 anni, e del fratellino di 7 anni.

Le ricerche sono andate avanti per tutta la notte approfittando anche di una situazione meteo decisamente in miglioramento su tutta la Calabria ma fino ad ora del piccolo nessuna traccia. Sul posto stanno operando i vigili del fuoco che stanno utilizzando anche le ruspe per rimuovere l’ammasso di fango e detriti che si è depositato sulle sponde del torrente in cui sono stati trovati i corpi della mamma e del figlio più grande. Le operazioni sono coordinate dal posto di comando avanzato allestito dal Comando provinciale di Catanzaro e vi partecipano anche il Soccorso alpino, la Guardia di finanza, la Polizia di Stato ed i volontari di protezione civile.

Oltre agli operatori qualificati, sul posto questa mattina si sono presentati circa 300 persone che hanno deciso di voler offrire il proprio contributo per cercare Niccolò: uomini e donne, amici, parenti, ma soprattutto gente qualunque che armata di vanga e stivali si è messa a disposizione delle direttive dei coordinatori.

Una Calabria generosa, altruista, una Calabria bella e sensibile che vuole a tutti costi ritrovare quella creatura innocente.

Commenta

loading...

pubblicità