Truffa all’I.N.P.S.: 1,3 milioni di euro di identità indebitamente percepiti da 484 lavoratori “fantasma” · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Truffa all’I.N.P.S.: 1,3 milioni di euro di identità indebitamente percepiti da 484 lavoratori “fantasma”

SIBARI (COSENZA) – La Guardia di Finanza di Sibari, al termine di una complessa attività d’indagine, ha smascherato l’ennesima truffa perpetrata ai danni dell’I.N.P.S. ad opera di un’azienda operante nel settore agricolo.

Ben 484 le assunzioni fantasma che hanno arrecato un danno alle Casse dello Stato quantificato in oltre 1.600.000 euro, tra indennità erogate e contributi non versati.

Il sistema di frode accertato dalla Fiamme Gialle, si sviluppava attraverso:
– la sottoscrizione di un contratto di locazione di un terreno agricolo di breve durata, da utilizzare per la realizzazione del ciclo produttivo dell’azienda agricola e la denuncia all’I.N.P.S. dell’impiego di un numero di Operai a Tempo Determinato (c.d. O.T.D.”), ritenuto congruo rispetto all’estensione del terreno ed alla coltura da realizzare sullo stesso;
– la proroga del contratto attraverso la falsificazione della durata, continuando a denunciare all’I.N.P.S., mediante l’invio delle relative denunce aziendali, l’utilizzo di falsi braccianti agricoli.

Nel periodo oggetto di false dichiarazioni all’I.N.P.S. il terreno è risultato in realtà concesso in locazione ad altro imprenditore agricolo.

All’esito delle attività sono risultati falsamente denunciarti nr. 484 braccianti agricoli per oltre 40.000 false giornate di lavoro agricolo.

Con tale condotta l’imprenditore agricolo indagato ha denunciato all’INPS l’utilizzo di nr. 484 lavoratori inesistenti, ma ben presenti nel momento in cui hanno incassato le relative indennità erogate dall’ente previdenziale, quantificate in oltre 1.300.000 euro, costituite da assegni familiari per circa € 500.000 euro, assegni per malattia e maternità per oltre 380.000 euro e indennità di disoccupazione per oltre 450.000 euro.

Gli accertamenti condotti dai militari del Gruppo di Sibari, hanno inoltre consentito di appurare che la ditta Individuale controllata ha omesso di versare nelle Casse dello Stato i relativi contributi previdenziali, quantificati in oltre 300.000 euro.

L’operazione si è conclusa con la segnalazione a piede libero alla Procura della Repubblica c/o il Tribunale di Castrovillari (CS), dell’imprenditore titolare della ditta Individuale, per i reati di truffa e falsità in atti.

L’Istituto di Previdenza ha già avviato le prescritte procedure di recupero delle somme indebitamente erogate ed i falsi lavoratori sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria.

L’attività svolta rientra nei piani di intervento della Guardia di Finanza, quale Polizia Economico-Finanziaria, a tutela della Spesa Pubblica e soprattutto a tutela delle tante aziende agricole e lavoratori corretti che prestano nel rispetto delle norme al loro attività, subendo di contro un inquinamento consistente del mercato .

Commenta

loading...

pubblicità