Denunciati per concorso in peculato 5 responsabili per distrazione di ingenti fondi comunitari affidati a “Fincalabra S.p.A.”. Sequestro preventivo per oltre 1,8 milioni di euro · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Denunciati per concorso in peculato 5 responsabili per distrazione di ingenti fondi comunitari affidati a “Fincalabra S.p.A.”. Sequestro preventivo per oltre 1,8 milioni di euro

Print Friendly, PDF & Email

CATANZARO – Nella giornata odierna i finanzieri del nucleo di Polizia Tributaria di Catanzaro e del nucleo speciale polizia valutaria hanno eseguito, sul territorio nazionale, sequestri preventivi nei confronti di soggetti indagati, in concorso tra loro, per peculato aggravato a danno della societa’ Fincalabra s.p.a., ente in house della Regione Calabria, istituita a sostegno del sistema produttivo regionale.

Il provvedimento è stato emesso dal giudice per le indagini preliminari di Catanzaro, dott. Pietro Care’, su richiesta del sostituto procuratore dott.ssa Fabiana Rapino e del procuratore aggiunto dott. Giovanni Bombardieri della Procura della Repubblica di Catanzaro, diretta dal procuratore dott. Nicola Gratteri.

In particolare, le articolate e approfondite attività investigative delegate alla guardia di finanza hanno consentito di accertare la distrazione, in soli tre mesi (da fine agosto a meta’ novembre del 2015), di fondi di derivazione comunitaria per un valore di 46,350 milioni di euro, affidati in gestione a Fincalabra e che erano vincolati esclusivamente al finanziamento di progetti presentati da piccole e medie imprese.

Il cda pro tempore di Fincalabra s.p.a., invece, con il concorso dei dirigenti della banca Widiba s.p.a. – gruppo Monte dei Paschi di Siena, ha indebitamente utilizzato l’ingente somma per l’acquisto di variegati strumenti finanziari sia nazionali che esteri, connotati da altissimo rischio e volatilità, provocando in tal modo un ammanco nelle casse regionali di un importo pari ad euro 1.868.979,75.

Nello specifico, il danno complessivamente arrecato al bilancio regionale è stato pari a euro 360.857,95 quali provvigioni corrisposte al promotore finanziario, euro 685.330,23 riconducibili a spese e/o commissioni trattenute dalla stessa banca ed euro 822.791,57 quale perdita netta di valore subita dai titoli acquistati da Fincalabra.

I provvedimento di sequestro preventivo per equivalente, con contestuale notifica dell’avviso di garanzia, è stato disposto nei confronti del Presidente del consiglio d’amministrazione pro tempore di Fincalabra s.p.a., nonché degli altri due componenti del Cda e di due dirigenti della banca Widiba s.p.a., intermediaria nell’acquisto dei titoli.

La misura cautelare reale ha avuto riguardo a disponibilita’ finanziarie, cespiti immobiliari ed altri beni mobili riconducibili agli indagati, individuati grazie agli accertamenti economico-patrimoniali svolti dai finanzieri.

loading...

pubblicità