Vendevano “taser” camuffati da torce elettriche, denunciate due persone e sequestrati otto apparecchi · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Vendevano “taser” camuffati da torce elettriche, denunciate due persone e sequestrati otto apparecchi

Print Friendly, PDF & Email

VIBO VALENTIA – Le Fiamme Gialle Calabresi del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Vibo Valentia, nel corso di un’operazione di controllo del territorio finalizzata alla prevenzione e alla repressione di reati in materia di detenzione illegale di armi, munizioni e materiale esplodenti, hanno proceduto ad effettuare controlli in varie località della provincia.
Nel corso dell’operazione sono stati rinvenuti, in possesso di alcuni venditori ambulanti, diversi storditori elettrici e altri apparecchi analoghi in grado di erogare una elettrocuzione. Gli stessi sono classificati come armi proprie dall’art. 4 della Legge 110/1975; per questo motivo, per il possesso e la vendita, è prevista una licenza specifica rilasciata dal questore.
In qualità di armi proprie, questi apparecchi, comunemente denominati “taser”, possono essere venduti solo da armieri e solo a persone munite di porto d’armi o di specifico nulla osta rilasciato dalle Autorità di Pubblica Sicurezza.
La scarica elettrica che ne deriva agisce direttamente sui muscoli provocando forti contrazioni; una scarica di questo tipo riesce ad inabilitare del tutto una persona anche se per pochi secondi e, in presenza di particolari patologie della persona offesa, può essere anche molto pericolosa.
Gli storditori in questione, esposti liberamente alla vendita, appaiono agli acquirenti come comuni torce elettriche, ma, mediante un selettore, situato nella parte inferiore dello strumento, viene attivata la funzione “taser” che, con un tasto posto sull’impugnatura dello stesso, aziona la vera e propria potente elettrocuzione.
I prodotti sono di fabbricazione cinese.
Con questa modalità di presentazione e vendita al pubblico, si inducono clienti inconsapevoli ad acquistare prodotti potenzialmente pericolosi per la salute la cui dentenzione ed uso sono espressamente vietati dalla legge perché equiparati a delle vere e proprie armi.
A conclusione di predetta attività investigativa, capillarizzata su tutto il territorio provinciale, le fiamme gialle vibonesi hanno proceduto al sequestro di otto “taser” ed alla denuncia all’Autorità Giudiziaria di due soggetti intenti alla loro vendita in forma ambulante, unitamente ad altra varia merce ed utensileria, per violazione della normativa in materia di armi.

loading...

pubblicità