Scritte contro don Ciotti a Locri. Wanted: ecco l’appello del sindaco · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Scritte contro don Ciotti a Locri. Wanted: ecco l’appello del sindaco

Print Friendly

LOCRI (REGGIO CALABRIA) – Una figura maschile, maglia bianca e pantaloni scuri: è l’immagine dell’autore delle scritte contro il fondatore di Libera don Ciotti fatte a Locri la notte successiva alla visita del Capo dello Stato Sergio Mattarella ed alla vigilia della Giornata della memoria e dell’impegno per le vittime innocenti delle mafie che ha portato in strada 25 mila persone.

La foto, estratta dal video delle telecamere di sorveglianza del centro di aggregazione giovanile – uno dei 3 luoghi colpiti insieme al vescovado ed una scuola – è stata pubblicata sul profilo Facebook dal sindaco Giovanni Calabrese con lo stile dei volantini “wanted” del vecchio west. Sopra la foto c’è scritto “wanted! ecco l’immagine del balordo che arrivato in piazza De Gasperi a bordo di un’Opel Corsa guidata da altro idiota, ha lasciato traccia della propria viltà esponendo l’intera città ad una pessima figura a livello nazionale”. Sotto: “Si offre lauta ricompensa a chi fornirà dettagliate notizie utili per poterli individuare”.

Questo il post del sindaco Calabrese su Facebook: “Sono trascorsi dieci giorni da quando il gesto di un deficiente è riuscito purtroppo a fare evidenziare, ancora una volta, l’aspetto negativo della nostra città che sappiamo tutti essere marginale rispetto alle tante cose positive e belle della nostra Locri. 
A nostro avviso l’autore del vile gesto, che vedete immortalato nella foto, non può e non deve rimanere impunito.
 Oggi pomeriggio pubblicheremo anche la videoripresa integrale dei balordi mentre scrivono sul muro di una struttura di proprietà comunale.
 Chiediamo a tutti di fornirci utili informazioni al fine di poterli individuare”.

loading...

pubblicità