Disastro doloso, truffa e falso: 21 indagati per i lavori sull’A3 Salerno-Reggio Calabria · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Disastro doloso, truffa e falso: 21 indagati per i lavori sull’A3 Salerno-Reggio Calabria

Print Friendly, PDF & Email

autostrada_a3VIBO VALENTIA – I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Vibo Valentia, nella mattinata del 12 Maggio 2016 hanno proceduto al sequestro preventivo del Tronco 3 – Tratto II, Lotto III dell’autostrada A/3 (Salerno/Reggio Calabria) tra gli svincoli di Mileto (VV) e Rosarno (RC) per un tratto di circa 8 chilometri e mezzo (dal Km 369+800 al Km 378+500) della strada Provinciale SP 58, in corrispondenza del viadotto Mesima 4 (per una estensione di 200 metri) di una strada interpoderale asservita ad un cantiere, sottostante al tratto autostradale, estesa dal Viadotto del Mesima 1 al Viadotto Mesima 3, nonché di tutti i tratti stradali posti in corrispondenza dei viadotti autostradali Mesima 1, 2, 3 e 4.

Il sequestro rappresenta un primo sviluppo di un’indagine eseguita in ordine alla progettazione ed esecuzione dei Lavori per l’ammodernamento del citato Tronco 3 della Salerno Reggio Calabria, al confine tra le provincie di Vibo Valentia e Reggio Calabria, che allo stato vede 21 persone tra funzionari Anas, professionisti ed imprenditori indagate, a vario titolo, per i reati di disastro doloso, truffa aggravata ai danni di ente pubblico, frode in pubbliche forniture, sub – appalto non autorizzato, falso materiale ed ideologico e abuso d’ufficio.

Le indagini sinora svolte avrebbero, infatti, evidenziato che tecnici e funzionari responsabili della progettazione hanno omesso di sottoporre il progetto relativo alla realizzazione dei Viadotti sul fiume Mesima, corredato da uno specifico ed aggiornato studio idraulico (essendo gli elaborati progettuali risalenti al 1999) redatto secondo le Norme di attuazione del Piano di Assetto Idrogeologico, al parere dell’Autorità di Bacino della Calabria, in considerazione dell’interferenza del nuovo tracciato autostradale con il Fiume Mesima tra gli svincoli di Serra (VV) e Rosarno (RC), dichiarando valido e cantierabile il Progetto Esecutivo dei lavori, nonostante i dati in possesso documentassero l’esistenza, sulla zona di interesse, del massimo grado di rischio idrogeologico (R4). La mancata acquisizione dei pareri previsti in caso di lavori in aree a rischio idrogeologico avrebbe portato alla realizzazione di strutture inadeguate all’attuale situazione idrica/idraulica del fiume Mesima e, soprattutto, alla mancata predisposizione di opere di difesa contro lo scalzamento dei viadotti autostradali.

I lavori eseguiti hanno, inoltre, determinato le condizioni per il verificarsi di fenomeni di esondazione del Fiume Mesima, con derivata inondazione delle strade attigue, a fronte di fenomeni atmosferici importanti (come già avvenuto nelle date del 23 e 24 marzo 2016).

Il provvedimento di sequestro è stato adottato, in via d’urgenza, dalla Procura della Repubblica in considerazione del fatto che appare evidente la necessità di intervenire sia per la risoluzione delle gravi problematiche emerse e così eliminare il pericolo concreto e attuale di esondazione del fiume Mesima, sia per evitare l’aggravarsi delle stesse.

Il provvedimento dell’Autorità Giudiziaria non prevede, allo stato, la chiusura del traffico autostradale.

loading...

pubblicità