Chiede aiuto ai finanzieri perchè minacciato da uomo con un martello, arrestato 28enne · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Chiede aiuto ai finanzieri perchè minacciato da uomo con un martello, arrestato 28enne

Print Friendly, PDF & Email

guardia_di_finanza_01GIOIA TAURO (REGGIO CALABRIA) – Nel quadro dei servizi di prevenzione e di controllo del territorio, in Gioia Tauro (RC), una pattuglia del locale Gruppo Guardia di Finanza interveniva in soccorso di un automobilista che chiedeva aiuto affermando di essere inseguito da un altro soggetto che voleva ammazzarlo. La situazione che si presentava ai finanzieri era di per sé particolarmente eloquente: l’autovettura, una “Fiat 500”, aveva tutti vetri della fiancata sinistra in frantumi con numerosi pezzi di vetro sparsi all’interno dell’abitacolo e varie ammaccature laterali, segni evidenti di un’aggressione subita poco prima.

Qualche istante dopo, sopraggiungeva una “Fiat Bravo”, da cui ne usciva un giovane, poi identificato per Lanciotto Gianluca, di anni 28, residente a Taurianova (RC), che, nonostante la presenza dei finanzieri, tentava di aggredire ulteriormente il malcapitato. I militari, quindi, lo immobilizzavano e lo portavano in caserma.

Dalla ricostruzione dei fatti, emergeva un diverbio causato da futili motivi, a seguito del quale il conducente della Fiat Bravo usciva dal mezzo brandendo un martello, mentre il conducente della Fiat 500 riusciva a rifugiarsi nell’autovettura, a metterla in moto e a partire, non prima che il veicolo fosse colpito da numerose martellate.

L’aggressore lo inseguiva, raggiungendolo proprio mentre era in prossimità dei finanzieri, il cui provvidenziale intervento ha posto fine ad una situazione di grave pericolo per la sua incolumità.

Su disposizione del P.M. presso il Tribunale di Palmi, il predetto Lanciotto Gianluca è stato messo agli arresti domiciliari presso la sua abitazione e, successivamente, sottoposto – con rito direttissimo – alla misura cautelare dell’obbligo di firma per tre giorni la settimana presso un Ufficio di Polizia Giudiziaria.

loading...

pubblicità