A Soverato sequestro preventivo di beni per oltre un milione di euro · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

A Soverato sequestro preventivo di beni per oltre un milione di euro

Print Friendly, PDF & Email

gdfSOVERATO (CATANZARO) – Nei giorni scorsi, nell’ambito dell’attività di servizio volta alla tutela delle entrate ed al contrasto dell’evasione fiscale, le fiamme gialle del comando provinciale della guardia di finanza di Catanzaro hanno eseguito nell’area soveratese un provvedimento di sequestro di beni fino a concorrenza di oltre un milione di euro, nei confronti di un imprenditore ritenuto responsabile dei reati tributari di omessa dichiarazione e occultamento di documenti contabili.

Il sequestro, eseguito dai militari della tenenza di Soverato, ha riguardato 4 automezzi, 1 immobile, nonché quote societarie, quote di fondi comuni d’investimento, polizze vita e saldi di conti correnti bancari.

Tale provvedimento magistratuale scaturisce da una informativa di reato redatta dalle fiamme gialle di soverato a conclusione di una verifica fiscale nei confronti di una impresa che, negli anni dal 2008 al 2012, in cui è risultata evasore totale, aveva occultato al fisco ricavi per oltre 2.700.000 euro, con conseguente evasione dell’iva e delle imposte sui redditi.

Pertanto, considerato il superamento della soglia d’imposta evasa prevista dalla norma penale-tributaria, si è concretizzato il presupposto per l’adozione del sequestro preventivo per equivalente, misura cautelare posta a garanzia del credito erariale.

L’attività di servizio posta in essere si inquadra in una più ampia azione di contrasto all’evasione fiscale che, in una prospettiva di maggiore concretezza ed effettività dell’azione della guardia di finanza, è finalizzata ad assicurare il reale recupero di risorse erariali illecitamente sottratte allo stato, ricorrendo, nei casi più gravi e con l’avallo della autorità giudiziaria, anche all’esecuzione di mirati sequestri penali di beni, come accaduto nel caso descritto.

loading...

pubblicità