Truffa all’INPS per mezzo milione di euro: assunzioni “fantasma” in agricoltura, denunciati in 176 nel cosentino · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Truffa all’INPS per mezzo milione di euro: assunzioni “fantasma” in agricoltura, denunciati in 176 nel cosentino

guardia_di_finanza_cosenza_gdf_csROSSANO (COSENZA) – Le Fiamme Gialle della Compagnia della Guardia di Finanza di Rossano, coordinati dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, hanno smascherato, al termine di una complessa attività di indagine, una truffa perpetrata ai danni dell’INPS, ad opera di una azienda del Rossanese, operante nel settore agricolo, mediante la dichiarazione di assunzioni inesistenti, denunciando 176 soggetti e scoprendo un danno alle casse dello Stato di oltre 500.000 €.

L’azienda, in base alle indagini svolte, ha presentato all’Ente previdenziale falsi documenti a partire dall’anno 2010, ottenendo la liquidazione di somme relative a indennità di disoccupazione per un importo di circa 270.000 euro, beneficiando anche di altre elargizioni per indennità di malattia e maternità per un totale di 240.000 euro, arrivando ad arrecare un danno complessivo all’Erario di oltre 500.000 euro.

La società ha denunciato all’INPS un consistente numero di (false) giornate lavorative effettuate su terrenti, di cui non ha mai avuto la disponibilità, attestandone invece la lavorazione attraverso il deposito di falsi contratti di fitto e comodato d’uso. Al termine dell’indagine, 176 soggetti, tra cui anche il titolare dell’azienda, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per i reati di truffa e falso.

L’ azione delle Fiamme Gialle determina e va a ricostituire fondi con risorse disponibili verso gli aventi regolarmente diritto, che spesso invece si ritrovano esclusi per incapienza di risorse, dirottate verso soggetti che vivono nel totale disprezzo delle normative.

Prosegue l’attività di prevenzione e repressione della Guardia di Finanza a tutela degli onesti e contro ogni forma di inquinamento e sleale concorrenza , nonché di danno alle Uscite dalle Casse dello Stato.

Commenta

loading...

pubblicità