In spiaggia vicino a resti di un tempio con metal detector. In casa aveva monete e anfore antiche, denunciato · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

In spiaggia vicino a resti di un tempio con metal detector. In casa aveva monete e anfore antiche, denunciato

I Carabinieri denunciano un tombarolo a Cirò MarinaCIRO’ MARINA (CROTONE) – E’ stato sorpreso mentre perlustrava la spiaggia con in mano un metal detector. Un presunto tombarolo, G.P., di 55 anni, è stato denunciato in stato di libertà dai carabinieri a Cirò Marina per violazione delle leggi che regolamentano le ricerche archeologiche.

L’uomo, sottoposto a controllo nei pressi dei resti del tempio dedicato ad Apollo Aleo, è stato trovato in possesso di zappe, pale, altri strumenti e di alcuni bottoni antichi.

L’accertamento è stato esteso anche all’abitazione dell’uomo dove sono state trovate anche alcune monete antiche, ciondoli, anelli ed anfore in terracotta. Tutto il materiale è stato sequestrato assieme a quanto utilizzato dall’uomo per effettuare le ricerche.

Commenta

loading...

pubblicità