Lamezia, viaggiava in autostrada con 109 grammi di cocaina. Arrestato · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Lamezia, viaggiava in autostrada con 109 grammi di cocaina. Arrestato

guardia_di_finanza_posto_di_bloccoLAMEZIA TERME (CATANZARO) – I finanzieri del gruppo di Lamezia Terme, nei giorni scorsi, hanno tratto in arresto un soggetto trovato in possesso di 109 grammi di cocaina mentre con la sua auto percorreva l’autostrada Salerno Reggio Calabria.

In particolare, nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di prevenzione e repressione del traffico e dello “spaccio” di sostanze stupefacenti, disposta dal Comando provinciale della Guardia di Finanza di Catanzaro, le fiamme gialle lametine hanno attuato un dispositivo a largo raggio di controllo economico del territorio, con particolare proiezione sulle principali vie di comunicazione stradali, l’aeroporto alla sede e la stazione ferroviaria.
In tale contesto, due pattuglie di servizio sull’A3, nel corso della perlustrazione, hanno concentrato l’attenzione su un autovettura furgonata che ha effettuato una serie di manovre che hanno attratto l’interesse dei militari operanti.

Per tale motivo, una delle pattuglie intimava l’alt di rito al conducente del mezzo, il quale, alla vista dei finanzieri, con gesto improvviso, gettava dal finestrino un involucro, non sapendo che dietro di lui vi era un’altra pattuglia, in abiti civili, alla quale non sfuggiva la mossa.

Pertanto, recuperato l’involucro del quale si era disfatto il soggetto, i finanzieri hanno scoperto che conteneva cocaina, con elevato grado di purezza, quantificata in grammi centonove.

Le fiamme gialle hanno immediatamente sottoposto a sequestro la sostanza stupefacente e tratto in arresto il responsabile, che è stato tradotto presso la casa circondariale, per essere tenuto a disposizione della magistratura.

La droga sequestrata, se immessa sul mercato illecito, avrebbe fruttato, nella cessione “al dettaglio”, introiti per almeno 10.000 euro.

Commenta

loading...

pubblicità