Lamezia, oltre 27 mila luminarie pericolose sequestrate dalla Guardia di Finanza · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Lamezia, oltre 27 mila luminarie pericolose sequestrate dalla Guardia di Finanza

lamezia_gdf_sequestro_luminarieLAMEZIA TERME (CATANZARO) – Sequestrate 27.900 luminarie natalizie potenzialmente pericolose per i consumatori. Prosegue l’attività dei “baschi verdi” del gruppo di Lamezia Terme, finalizzata a garantire il corretto andamento del mercato dei beni e dei servizi, con specifico riferimento alla tutela della sicurezza dei prodotti posti in commercio.

Nel contesto, l’azione ispettiva svolta dai finanzieri si è concentrata su una attività commerciale condotta da un soggetto di nazionalità cinese, esercente il commercio al dettaglio di articoli casalinghi, abbigliamento ed accessori, tutti provenienti dal mercato asiatico.

Nel corso della mirata ispezione dei diversi locali aziendali, è stato individuato, fra l’altro, un notevole quantitativo di impianti di illuminazione, soprattutto natalizi, del tutto privi delle informazioni obbligatorie per la commercializzazione e per il successivo corretto utilizzo e, quindi, potenzialmente pericolosi per l’incolumità dei consumatori.

Al termine del controllo, i finanzieri hanno così sottoposto a sequestro amministrativo oltre 27.900 oggetti tra luminarie natalizie, singole luci, apparati elettrici ed accessori, risultati non conformi alle disposizioni di legge per la commercializzazione sul territorio nazionale e potenzialmente pericolosi. Il responsabile delle violazioni in materia di sicurezza dei prodotti è stato segnalato all’autorità amministrativa competente.

L’attività appena descritta non è isolata, ma si inserisce in un più ampio dispositivo di contrasto alla commercializzazione di prodotti illegali predisposto e coordinato dal comando provinciale della guardia di finanza di catanzaro, che già da tempo sta dando positivi riscontri

Questo al fine di evitare illecite e sleali concorrenze verso chi, rispettando le norme in vigore, possa trovarsi ad essere superato sul mercato da comportamenti “inquinanti”, disinvolti e che consentono l’immissione di prodotti a basso prezzo ma con scarse o nulle garanzie.

Commenta

loading...

pubblicità