Muore improvvisamente Gigi Marulla, attaccante del Cosenza · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Muore improvvisamente Gigi Marulla, attaccante del Cosenza

Print Friendly, PDF & Email

imageCOSENZA – Cosenza in lutto, morto improvvisamente Gigi Marulla, 52 anni, storico attaccante del Cosenza Calcio, la compagine in cui ha militato per circa dieci stagioni. Marulla, secondo quanto si è appreso – ha avuto un malore mentre si trovava nella sua casa estiva sul Tirreno cosentino, trasportato d’urgenza all’ospedale di Cetraro dove è deceduto. sarebbe stato un infarto ad uccidere l’ex bomber rossoblù.

Marulla era stato anche allenatore del Cosenza Calcio. Nato a Stilo il 20 aprile del 1963, 91 gol in maglia rossoblù e 330 presenze. Nella sua carriera aveva vestito la maglia dell’Acireale, Avellino, Genoa e Castrovillari, dove aveva chiuso la carriera nel 1999. Il cordoglio del sindaco di Cosenza Mario Occhiuto che in una nota afferma: “Gigi Marulla nella nostra città è il simbolo indiscusso del calcio. Nell’immaginario della tifoseria rossoblù, e non solo, un punto di riferimento che incarna i valori di pulizia sportiva e, oltre lo sport, un raro esempio comportamentale. Oggi, con profondo dolore, non riesco ancora a credere di doverne parlare al passato”. “Si tratta di un fulmine a ciel sereno – aggiunge Occhiuto – Cosenza tutta è scossa dalla notizia di aver perso uno dei suoi figli più amati, una persona perbene, nata a Stilo ma cosentino d’adozione, un cosentino doc. Indimenticabile il suo gol-salvezza a Pescara, in campo neutro, nello spareggio contro la Salernitana per la permanenza in serie B. Aveva addirittura rifiutato la serie A pur di continuare a giocare indossando la casacca rossoblù. Un amore sempre ricambiato quello fra Cosenza e il suo calciatore-emblema per antonomasia. Alla moglie Antonella e ai figli Kevin e Ylenia, giunga il forte abbraccio di tutta la nostra città. Gigi Marulla continuerà a vivere nei ricordi di chi ha avuto a fortuna di conoscerlo perché – conclude Occhiuto – le bandiere non muoiono mai”.

(da Gazzetta del Sud)

loading...

pubblicità