Un morto in agguato in Calabria, sparato colpo alla testa, era con moglie e figlie rimaste illese · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Un morto in agguato in Calabria, sparato colpo alla testa, era con moglie e figlie rimaste illese

Print Friendly, PDF & Email

image

BIANCO (RC) – Un quarantacinquenne, Cosimo Demeca, è stato ucciso la notte scorsa in un agguato a Bianco (Reggio Calabria). Era in auto con la moglie ed una delle tre figlie, una bambina. Donna e bambina sono rimaste illese.
L’uomo, secondo quanto accertato dai carabinieri, è stato ucciso con un colpo di fucile caricato a pallettoni sparato da breve distanza e non a colpi di pistola come era stato ipotizzato in un primo momento. Il delitto è avvenuto vicino ad una casa rurale in cui Demeca era solito trascorrere l’estate insieme alla famiglia.

Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri del Gruppo di Locri e della Compagnia di Bianco, Demeca era alla guida dell’auto e stava rientrando a casa in località Valle, alle porte del paese. L’assassino ha atteso che l’auto, giunta in prossimità dell’edificio, rallentasse per uscire da dietro la vegetazione avvicinarsi e sparare un solo colpo di fucile che ha ucciso all’istante Demeca, senza, fortunatamente, colpire moglie e figlia. L’assassino si è poi dileguato. E’ stata la moglie a lanciare l’allarme facendo subito intervenire i carabinieri. Demeca, che lavorava saltuariamente come operaio, era incensurato e non risultava avere rapporti con ambienti della criminalità. Le indagini dei carabinieri sono ora orientati nella sfera privata dell’uomo per accertare se negli ultimi tempi possa avere avuto contrasti con qualcuno.

loading...

pubblicità