Sequestrati beni e valori ad imprenditore cosentino per oltre 230 mila euro · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Sequestrati beni e valori ad imprenditore cosentino per oltre 230 mila euro

gdfCASTROVILLARI (CS) – A l termine di una complessa indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Castrovillari ed eseguita dalla Compagnia della Guardia di Finanza alla sede nei confronti di una società operante nel commercio al dettaglio di prodotti per l’agricoltura e del giardinaggio, il Sostituto Procuratore dott. Vincenzo Quaranta ha richiesto ed ottenuto dal G.i.p., presso il tribunale di Castrovillari, l’emissione di un decreto di sequestro preventivo per equivalente di beni, sino al concorso dell’importo di oltre 1,1 milioni di euro, da eseguire sul patrimonio del legale rappresentante dell’impresa.Il provvedimento ablativo rappresenta l’epilogo di articolate indagini svolte a seguito di una verifica fiscale condotta dalle Fiamme Gialle nei confronti della società, risultata essere in attività sin dal gennaio del 2009, la quale, nel triennio successivo, a fronte di oltre 3 milioni di euro di ricavi ed un’Iva dovuta per oltre 1,1 milioni di euro, non mai ha presentato le prescritte dichiarazioni dei redditi ed Iva, risultando, quindi, essere sconosciuta al fisco e qualificandosi quale evasore totale.

Sposando le prime conclusioni dei militari della guardia di finanza, il pubblico ministero destinatario dell’informativa ha delegato i finanzieri del Comando Provinciale di Cosenza a svolgere i successivi accertamenti bancari.

Lo sviluppo degli accertamenti bancari delegati, ha evidenziato che il soggetto economico non ha ottemperato agli obblighi dichiarativi di ulteriori ricavi per oltre 4.3 milioni di euro.

Pertanto, complessivamente, la società verificata non avrebbe presentato le dichiarazioni dei redditi per quasi 7,5 milioni di euro, omettendo il versamento di un’Iva dovuta per oltre 1, 5 milioni di euro e non dichiarando ulteriore imposta sul valore aggiunto per oltre 1 milione di euro.

A fronte di tali fatti evasivi, i militari delle fiamme gialle, nei giorni scorsi, hanno dato corso, su tutto il territorio nazionale, alle attività delegate dal Gip, giungendo al sequestro delle quote sociali detenute dal legale rappresentante sia nell’Impresa oggetto di accertamento, sia di ulteriori quattro società nonche’ di un conto corrente bancario, per la somma complessiva di quasi 232 mila euro.

L’operazione, di fatto blocca il patrimonio della persona indagata, anche a beneficio delle pretese del fisco, dando concretezza all’azione di contrasto dei fenomeni evasivi e pregiudizievoli per l’erario.

I beni sequestrati, infatti, qualora non fosse onorato il debito tributario da parte del diretto interessato, garantiranno il recupero a favore dell’erario delle imposte evase.

Commenta

loading...

pubblicità