Tenta il suicidio in carcere l’assassino di Fabiana Luzzi. La Penitenziaria lo salva · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Tenta il suicidio in carcere l’assassino di Fabiana Luzzi. La Penitenziaria lo salva

Print Friendly, PDF & Email

TORINO – Nel maggio scorso ha bruciato viva, dopo averla accoltellata, la fidanzatina, Fabiana Luzzi, di appena sedici anni. Davide M., 18 anni compiuti da poco, ha tentato oggi di impiccarsi nel carcere minorile di Torino. A salvarlo sono stati gli agenti della polizia penitenziaria. Trasportato in ospedale, non è in pericolo di vita. Lo rende noto l’Osapp, sindacato del comparto, sottolineando come la “polizia penitenziaria riesca a salvare la vita delle persone nonostante la carenza di organico”.

loading...

pubblicità