Spaccio di droga ad Arcavacata: tra i “clienti” avvocati, commercialisti, ricercatori universitari, studenti ed altri dipendenti dell’Università di Arcavacata · Calabria Page LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Spaccio di droga ad Arcavacata: tra i “clienti” avvocati, commercialisti, ricercatori universitari, studenti ed altri dipendenti dell’Università di Arcavacata

I militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Cosenza hanno eseguito 4 ordinanze di custodia cautelare, due in carcere e due ai domiciliari, e 15 perquisizioni domiciliari in materia di stupefacenti nei confronti di soggetti emersi nel corso delle indagini condotte dai finanzierie conclusesi nei giorni scorsi.

 

In particolare, le perquisizioni, finalizzate al rinvenimento di sostanze stupefacenti, riguardano le abitazioni private riferibili, a vario titolo, ai predetti soggetti e ubicate nei comuni di Cosenza, Rende, Castrolibero e S. Fili.

I destinatari delle ordinanze di custodia cautelare in carcere sono: B.F. classe ’90 e G.D. classe ’84, mentre quelli ai domiciliari sono D.A. classe ’93 e N.R. classe ’91, tutti originari del capoluogo Bruzio e responsabili di concorso in spaccio di sostanze stupefacenti.

Le indagini, delegate dalla locale Procura della Repubblica, sotto la direzione del Dr. Dario GRANIERI ed il coordinamento del P.M. Salvatore DI MAIO, testimonia il consolidato impegno della Guardia di Finanza sul territorio cosentino, rivolto alla prevenzione e repressione di reati di grave pericolosità sociale, quali quello dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel corso della lunga e complessa indagine, che ha portato tra l’altro al sequestro di quasi 3 kg di sostanza stupefacente, grazie a numerosi pedinamenti e appostamenti, è emerso chiaramente come le attività di spaccio di cocaina, hashish e marijuana, si svolgessero, in larga parte, nei pressi delle pensiline delle fermate degli autobus, site nella zona Universitaria di Arcavacata.

Era quella infatti la base operativa utilizzata dai pusher; li si incontravano con i clienti e, nascosti tra la folla, concludevano gli “affari”.

Molti degli acquirenti erano appartenenti alla c.d. “Cosenza Bene”: avvocati, commercialisti, ricercatori universitari ed altri dipendenti dell’Università di Arcavacata, nonché studenti dello stesso Ateneo.

I prezzi di vendita si aggiravano intorno ai 60/80 euro al grammo per la Cocaina e ai 10/15 euro al grammo per la Marijuana e l’Hashish. La moneta di scambio non era, però, sempre rappresentata dal denaro; molto spesso, infatti, studentesse a corto di soldi, ricevevano la sostanza stupefacente in cambio di prestazioni sessuali.

L'”organizzazione” era in grado di smerciare circa 5 kg al mese di sostanza stupefacente di vario tipo, per un valore commerciale  di oltre 60.000 euro (mensili). Il bacino d’utenza garantito dall’Università di Arcavacata era, infatti, pressoché inesauribile.

Commenta

loading...

pubblicità