I Forconi in Calabria: l’allarme crea code chilometriche ai distributori. Nessun blocco stradale · Calabria Page LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

I Forconi in Calabria: l’allarme crea code chilometriche ai distributori. Nessun blocco stradale

Se in tutta Italia la protesta dei forconi si sta facendo sentire (a Genova occupati i binari della stazione e lanci di pietre e lacrimogeni in centro a Torino), in Calabria la situazione sembra essere tranquilla, con l’unico disagio delle lunghe code ai distributori di carburante presi d’assalto dagli automobilisti messi in allarme dall’annunciata mobilitazione.

 Nella nostra regione non c’è stato alcun blocco stradale ma solo sit in localizzati nei punti annunciati dai rappresentanti calabresi del movimento.

Rallentamenti, ma nessun blocco allo svincolo autostradale di Cosenza Nord-Rende della A3 Salerno-Reggio Calabria. Decine di manifestanti, con autocarri e pullman, si sono piazzati nei pressi dell’uscita autostradale e stanno facendo opera di sensibilizzazione verso gli automobilisti e i camionisti di passaggio. Distribuiscono volantini e parlano alla gente, invitandoli a non accettare piu’ di “essere sfruttati”.

Tranquilla la situazione anche a Villa San Giovanni, punto strategico per i collegamenti da e per la Sicilia, dove la Polstrada non segnala alcun problema per la circolazione veicolare.

A Lamezia Terme qualche rallentamento per un presidio di autotrasporto unito, una delle sigle che hanno indetto la mobilitazione, con automezzi pesanti fermi ai lati della carreggiata.

Un’agitazione, quella calabrese, che non ricorda minimamente quella del gennaio 2012 quando i disagi furono notevoli, con la paralisi delle strade e l’innalzamento dei prezzi di frutta e verdura. Ad ora l’unico problema di maggiore evidenza sembrano essere i distributori a secco.

“Abbiamo un parlamento abusivo, composto da persone non elette dal popolo e hanno pure eletto un presidente. Se ne devono andare tutti a casa” – ha affermato Salvatore Brogno, del coordinamento nazionale del Movimento 9 dicembre 2013 – “e noi oggi faremo la nostra protesta senza violenza, state tutti tranquilli”.

S.d.E.

Commenta

loading...

pubblicità