‘Ndrangheta, 65 arresti a Lamezia tra politici, imprenditori, medici, avvocati: indagato sen. Piero Aiello, arrestato Giampaolo Bevilacqua · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

‘Ndrangheta, 65 arresti a Lamezia tra politici, imprenditori, medici, avvocati: indagato sen. Piero Aiello, arrestato Giampaolo Bevilacqua

Terremoto giudiziario in Calabria con 65 arresti e decine di indagati eccellenti tra politici, imprenditori, avvocati, medici e appartenenti alla Polizia penitenziaria, nell’ambito di un’inchiesta della Dda di Catanzaro a carico di boss e picciotti della ‘ndrangheta lametina e di una serie di professionisti ritenuti collusi con i clan.

“Perseo” il nome in codice dato all’operazione, coordinata dal procuratore aggiunto della Dda di Catanzaro, Giuseppe Borrelli, e dal sostituto procuratore antimafia Elio Romano, che hanno chiesto e ottenuto dal gip distrettuale Abigail Mellace l’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di 65 persone.

Tra gli indagati anche il senatore del Pdl Piero Aiello. Per lui la Dda aveva chiesto l’arresto, ma la richiesta è stata rigettata dal gip. Tra gli arrestati figura invece l’ex consigliere provinciale e attuale vice presidente della Sacal, la società di gestione dell’aeroporto lametino, Gianpaolo Bevilacqua, del Pdl. A Bevilacqua sono contestati i reati di concorso esterno in associazione mafiosa e di estorsione. In particolare oltre alla connivenza con la cosca Giampà lo stesso avrebbe estorto ad un commerciante di abbigliamento sportivo alcune tute da recapitare a detenuti del clan.

Nella rete sono finiti anche professionisti insospettabili e un noto parlamentare calabrese, nei cui confronti è stata rigettata la richiesta di arresto avanzata dalla Dda. Associazione a delinquere di stampo mafioso l’ipotesi di reato contestata a gran parte degli indagati dagli inquirenti che, al termine delle indagini sfociate nel blitz di oggi, hanno ritenuto di far luce anche su diversi omicidi verificatisi in una cruenta guerra di mafia che, tra il 2005 ed il 2011, ha lasciato numerose vittime sul campo, a Lamezia Terme. Centinaia gli episodi estorsivi nei confronti di attività imprenditoriali e commerciali ricostruti nelle carte messe insieme dai poliziotti della Squadra mobile, nel corso di una dirompente indagine che avrebbe messo a nudo anche lo stratagemma adottato dalla cosca Giampà per finanziare gli acquisti di armi e stupefacenti, nonché per garantire il pagamento degli stipendi ai numerosi affiliati. Ed è qui che entrano in ballo i professionisti coinvolti nell’inchiesta, presunti protagonisti di un vorticoso sistema di truffe assicurative, andato avanti grazie ad una lunga e collaudata catena di complicità che si sarebbe avvalsa della collaborazione di un gruppo composto da assicuratori, periti, carrozzieri, medici e avvocati, operanti sul territorio di Lamezia Terme. Un sistema-truffe che avrebbe portato nelle casse della cosca, ogni anno, milioni di euro di cui beneficiavano anche i professionisti colpiti dal blitz. I dettagli dell’operazione saranno meglio illustrati questa mattina alle 11,30 durante una conferenza stampa presso la Questura di Catanzaro, alla presenza dei vertici della Procura Distrettuale antimafia di Catanzaro, guidata dal procuratore Vincenzo Antonio Lombardo.

I NOMI DEGLI ARRESTATI

Torcasio Saverio cl. 86
Voci Eric cl. 90
Ventura Vincenzo cl. 66
Pino Strangis cl. 75
Giuseppe Catroppa cl. 84
Paradiso Angelo Francesco cl. 86
Luciano Trovato cl. 85
Galiano Giorgio cl. 54
Sirianni Domenico cl. 85
Paola Claudio cl. 86
Grutteria Giuseppe cl. 84
Giampà Alberto cl. 84
Mercuri Micheal cl. 89
Ammendola Giuseppe cl. 83
Davide Orlando cl. 82
Curcio Domenico cl. 69
Torcasio Vincenzo cl. 62
Antonio Notarianni cl. 52
Giancarlo Chirumbolo cl. 84
Francesco Renda cl. 84
Andrea Crapella cl. 86
Perri Vincenzo cl. 75
Pasquale Gigliotti cl. 81
Ciubuc Dragos cl. 92
Arzente Luciano cl. 89
Pino Scalise cl. 58
Muraca Michele cl. 64
Giampà Saverio cl. 87
Muraca Antonio cl. 69
Franco Trovato cl. 76
Gino Strangis cl. 69
Nino Cerra cl. 91
Bentornato Pasquale cl. 83

Giampà Vincenzo cl. 68
Giampà Pasquale cl. 64
Bonaddio Vincenzo cl. 59
Notarianni Aldo cl. 65
Arcieri Vincenzo cl. 60
Molinaro Maurizio cl. 83
Giampà Domenico cl. 81
Ventura Antonio cl. 84
Notarianni Pasquale cl. 86
Torcasio Alessandro cl. 83
Notarianni Carmine cl. 57
Voci Antonio cl. 66
D’Agosto Tiziana cl. 71
Mascaro Francesco cl. 74
Giovanni Scaramuzzino cl. 76
Rotundo Renato cl. 70
Bevilacqua Giampaolo cl. 68
Lucchino Giuseppe cl. 76
Trovato Luigi cl. 70
Cosentino Giovanni cl. 74
Donato Antonio cl. 79
Curcio Antonio cl. 74
Ascone Salvatore cl. 66
Catroppa Pasquale cl.86
Strangis Emanuele cl. 81
Giampà Davide cl. 89
Orlando Davide cl. 82
Ammendola Giuseppe Cl. 83
Mercuri Micheal cl. 89
Giampà Alberto cl. 84
Grutteria Giuseppe cl. 84
Torcasio Saverio cl. 86
Voci Eric cl. 90
Ventura Vincenzo cl. 66
Strangis Pino cl. 75
Catroppa Giuseppe cl. 84
Paradiso Angelo Francesco cl. 80
Crapella Andrea cl. 86
Renda Francesco cl. 64
Chirumbolo Giancarlo cl. 84
Notarianni Antonio cl. 52
Torcasio Vincenzo cl. 62

Commenta

loading...

pubblicità