Mons. Bertolone vicino a famiglia giovane travolto dal treno · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Mons. Bertolone vicino a famiglia giovane travolto dal treno

Print Friendly

“Quando una vita viene spezzata, ancor più se giovane, dovrebbe sempre e comunque prevalere il sentimento della pietas, l’invito al raccoglimento, alla comprensione”. È quanto sottolinea l’arcivescovo di Catanzaro-Squillace, mons. Vincenzo Bertolone, dopo la morte del giovane tredicenne investito da un treno a Soverato, in Calabria, mentre stava attraversando, insieme con due compagni, un tratto di ferrovia.

Mons. Bertolone: tragedia da chiarire
“Questo fatto – ha aggiunto il presule – provoca tanto dolore alla mamma, alla famiglia e alla comunità di Petrizzi, intimamente e duramente provate da questa disgrazia”. L’arcivescovo – riferisce l’agenzia Sir – ha espresso “vicinanza spirituale ed umana”. “A chi di dovere – ha concluso – il compito di chiarire che cosa sia accaduto, a noi quello di dimostrarci capaci di leggere con sapienza questi fatti e di farci soprattutto in questi tragici avvenimenti, fratelli e sorelle di chi ha patito il dramma doloroso: la perdita di un figlio”.

Forse un selfie estremo all’origine della tragedia
In base alle prime ricostruzioni, il ragazzo di 13 anni sarebbe stato investito da un convoglio mentre era intento a scattare un selfie con sullo sfondo il treno in arrivo. Questa versione è stata smentita dai due amici della vittima, rimasti illesi, che al momento della tragedia si trovavano con il 13.enne sul ponte ferroviario. Il cellulare della vittima è stato sequestrato ed è a disposizione dell’autorità giudiziaria.

loading...

pubblicità