Funerali di don Longobardi, il prete ucciso a Cassano. Mons. Galantino: «Una chiesa profetica» · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Funerali di don Longobardi, il prete ucciso a Cassano. Mons. Galantino: «Una chiesa profetica»

Don Lazzaro Longobardi

Don Lazzaro Longobardi

CASSANO ALL’IONIO (CS) – Presenti autorità civili e militari, le esequie vengono celebrate da monsignor Nunzio Galantino, vescovo di Cassano all’Ionio e segretario della Cei. , da altri vescovi e da numerosi preti. Sono presenti migliaia di persone, nonostante la pioggia e l’esigua capienza della chiesa.Ai funerali, celebrati nello spiazzo della chiesa di San Raffaele Arcangelo di Lattughelle dove padre Lazzaro era parroco, hanno partecipato più di mille persone, tra i quali l’eparca di Lungro Donato Oliverio, l’arcivescovo di Catanzaro Vincenzo Bertolone, e il vescovo di Alghero-Bosa Mauro Narua Morfino.

“Sin dal primo momento ho invitato a guardare al sangue versato da padre Lazzaro come al sangue di un martire della carità. L’ho fatto con forza prima di tutto perché m’è parso di avere subito gli elementi per affermarlo; e poi per arginare affermazioni frutto solo di grave superficialità se non proprio di colpevole malafede” ha affermato Galantino, nell’omelia fatta ai funerali di padre Longobardi.

In occasione delle esequie il sindaco del comune di Cassano allo Ionio, Giovanni Papasso, ha proclamato il lutto cittadino in segno di cordoglio e partecipazione per la scomparsa di padre Lazzaro.

“Il martirio di padre Lazzaro, battezzato, religioso e sacerdote ci dice che nella Chiesa, almeno in alcuni suoi membri, non necessariamente in vista e da copertina, l’amore per Cristo e per il Vangelo ė capace di provocare gesti significativi di accoglienza ed è capace di essere davvero una Chiesa profetica” ha detto monsignor Galantino nella sua omelia.

“Quella carica profetica della Chiesa, cioè quella capacità di porre gesti non banali e prevedibili e quella capacità di dire parole significative per il nostro territorio – ha continuato il presule – che rischia tante volte di essere soffocata da eccesso di prudenza, che poi è solo paura di osare e calcolo strumentale; che rischia di essere soffocata da eccesso di equilibrio, che poi è solo voglia di non essere scomodati dalla radicalità del Vangelo”.

Per monsignor Galantino, il “martirio di padre Lazzaro è un dono ma è anche un compito per la nostra Chiesa. Un dono che il Signore ci ha fatto attraverso una persona della quale forse qualcuno di noi, anche Sacerdoti, non conosceva nemmeno il timbro della voce, tanto padre Lazzaro era riservato”. (AVVENIRE)

Commenta

loading...

pubblicità