Nomina Galantino, Papa chiede ”permesso” a Diocesi · Calabria Page LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Nomina Galantino, Papa chiede ”permesso” a Diocesi

papa_francesco_01CITTA’ DEL VATICANO – Monsignor Nunzio Galantino, vescovo della Diocesi di Cassano all’Jonio, e’ il nuovo segretario generale ‘ad interim’ della Conferenza episcopale italiana nominato da papa Francesco con decreto del 28 dicembre 2013. L’annuncio ufficiale e’ giunto stamane, contemporaneamente, nella cattedrale di Cassano e in Vaticano, con la lettura del decreto pontificio e di una lettera con la quale il pontifice s’e’ rivolto direttamente alla comunita’ diocesana come a ”chiedere il permesso”, ha scritto nella missiva, di potere usufruire dell’impegno del suo Pastore nell’importante ruolo al servizio della Chiesa italiana.

Monsignor Galantino, comunque, riferisce la Diocesi Cassano all’Jonio, ha chiesto e ottenuto da Francesco di restare alla guida della Diocesi calabrese di cui e’ Pastore dal marzo 2012. Il neo segretario generale della Cei succede a monsignor Mariano Crociata che ha mantenuto l’incarico dal 2008 fino allo scorso novembre quando il papa lo ha nominato Vescovo di Latina-Terracina-Sezze-Priverno. Monsignor Nunzio Galantino e’ nato a Cerignola (Foggia) il 16 agosto 1948. Teologo, parroco, e’ professore emerito di Antropologia presso la Pontificia facolta’ teologica dell’Italia meridionale di Napoli (sez. S. Luigi), dove ha tenuto corsi anche nei bienni di specializzazione in teologia fondamentale e teologia dogmatica.
All’attivita’ accademica ha da sempre affiancato l’impegno pastorale prima come parroco a Cerignola e poi come Vescovo della Diocesi di Cassano all’Jonio. ”Per una missione importante nella Chiesa italiana – scrive papa Francesco ai sacerdoti e ai fedeli della Diocesi di Cassano all’Jonio – ho bisogno che mons. Galantino venga a Roma almeno per un periodo. So quanto voi amate il vostro Vescovo e so che non vi fara’ piacere che vi venga tolto, e vi capisco. Per questo ho voluto scrivervi direttamente come chiedendo permesso”.

Commenta

loading...

pubblicità