Neve e gelo, Statti (Confagricoltura): “In Calabria danni per dieci milioni di euro” · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Neve e gelo, Statti (Confagricoltura): “In Calabria danni per dieci milioni di euro”

Print Friendly, PDF & Email

“Le condizioni climatiche che il sistema agricolo regionale sta subendo sono, nei fatti e per gli effetti che determinano, durissime.
Sulla base delle segnalazioni pervenute e dei numerosi sopralluoghi effettuati, possiamo affermare – senza temere di essere smentiti – che l’emergenza riguarda intanto le produzioni in corso e distrutte dal gelo ma in diversi contesti territoriali ad avere avuto la peggio sono anche le coltivazioni con danni alle piante, per esempio gli agrumi, tali da pregiudicare i raccolti della prossima stagione”. Sono le parole di Alberto Statti, presidente di Confagricoltura Calabria, il quale evidenzia “una situazione grave generata dal combinato disposto delle copiose nevicate e dell’ondata di gelo che ha amplificato i danni compromettendo quasi totalmente le produzioni orticole e ortofrutticole dei territori maggiormente vocati.
Se la neve ha, infatti, determinato serie conseguenze in alcuni contesti, il gelo ha interessato ampie superficie agricole danneggiando tanto le colture in campo quanto quelle sotto serra nonostante i sistemi antigelo.
I danni prudenzialmente stimati – allo stato – superebbero i dieci di milioni di euro.
Risultano urgenti, dunque, risposte concrete e l’attivazione di strumenti adeguati a garantire liquidità alle aziende danneggiate dalle calamità”.
Quindi l’invito di Statti al Governo Regionale “a voler corrispondere agli agricoltori delle aree maggiormente colpite tutte le spettanze relative ai contributi comunitari, in particolare ci riferiamo ai pagamenti della domanda unica ed alle anticipazioni sulle misure agroambientali.
Si tratta di risorse rimaste sostanzialmente ferme a causa di lentezze e lungaggini amministrative e che – in attesa di definire tutti gli iter procedurali e di verifica dei danni – potrebbero costituire la giusta iniezione di liquidità per consentire alle imprese di affrontare i danni e riavviare le produzioni.
Infine, tenendo conto della particolare situazione di crisi, il Governo Regionale dovrebbe pensare ad una nuova normativa per la ristrutturazione finanziaria delle imprese agricole, si tratta di un intervento straordinario che chiediamo da tempo e non può più essere rinviato”.

 

 

loading...

pubblicità