Presente e futuro della città di Reggio Calabria: Falcomatà e Dattola a confronto · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Presente e futuro della città di Reggio Calabria: Falcomatà e Dattola a confronto

reggio_calabriaREGGIO CALABRIA – Il 29 febbraio l’incontro – dibattito organizzato dall’Istituto diocesano politico-sociale “Mons. Lanza” Lunedì 29 febbraio, alle ore 18.00, presso il Salone “Mons. Giovanni Ferro”, in Via Tommaso Campanella, 63 (accanto alla libreria delle suore Paoline), l’Istituto superiore di formazione politico-sociale “Mons. Antonio Lanza” dell’Arcidiocesi di Reggio Calabria ha organizzato un incontro con il Sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, e il capo dell’opposizione, Lucio Dattola su “Presente e futuro della città”.

Il Direttore dell’istituto, Prof. Antonino Spadaro, ha così spiegato l’evento: «Era un’antica tradizione dell’Istituto – che ovviamente è slegato da legami con qualsivoglia partito – chiamare a un confronto pubblico i candidati a sindaco della città prima delle elezioni. Oggi fortunatamente non siamo in un momento pre-elettorale e il clima politico sembra complessivamente sereno, ma certo i problemi restano: abbiamo quindi creduto opportuno – innanzitutto nell’interesse dei corsisti dell’Istituto (che hanno interesse a fare domande agli amministratori locali), ma anche nell’interesse di tutti i cittadini – che i due massimi esponenti del governo e dell’opposizione locali si confrontino su ciò che è stato fatto e su ciò che resta da fare. Nella città metropolitana di Reggio le occasioni di dialogo pubblico, anche critico, non bastano mai. A distanza di più di un anno di governo del nuovo Sindaco e della nuova Giunta mi sembra giusto che questo accada e ringrazio Falcomatà e Dattola per la disponibilità offerta».

L’Istituto Superiore di Formazione Politico-Sociale “Mons. A. Lanza” è un ente diocesano per l’animazione sociale, che svolge il suo servizio ininterrottamente ormai da 25 anni: i suoi corsi incominciano nel 1991. Grazie ad esso centinaia di persone, in questi anni, hanno fatto l’esperienza di un serio approfondimento sui temi dell’impegno sociale e politico sul territorio.

L’obiettivo principale è quello di fornire strumenti e metodi per la comprensione della realtà attuale a coloro che, consapevoli della necessità di cambiamento in melius, vogliono spendersi per il bene comune, assumendo responsabilità politiche dirette o indirette e costruendo percorsi di legalità e partecipazione democratica. Scopo specifico dell’ente, indicato dallo Statuto, è «la qualificazione e formazione, in particolar modo politica, di tutte le persone di buona volontà che intendono, nelle più svariate forme (personali e collettive), impegnarsi con competenza per il buon funzionamento delle istituzioni pubbliche, specialmente locali».

L’Istituto – che ovviamente non ha alcun legame con partiti politici – ha sempre un ruolo attivo in città, organizzando da diversi anni (nelle scuole, nelle parrocchie, nei quartieri) incontri di conoscenza delle istituzioni e percorsi di educazione alla legalità e di lotta contro ogni forma di discriminazione e violenza, specialmente mafiosa, proponendo incontri pubblici su temi politici, confronti e dibattiti con gli amministratori o i candidati alle elezioni. Docenti universitari e professionisti qualificati – a titolo di volontariato sociale – svolgono un ciclo organico di lezioni di contenuto storico, filosofico, sociologico, economico, giuridico, etico-morale.

Commenta

loading...

pubblicità