VI Centenario, tappa importante per Corigliano, il 2 aprile sarà dedicata una strada cittadina a San Francesco di Paola · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

VI Centenario, tappa importante per Corigliano, il 2 aprile sarà dedicata una strada cittadina a San Francesco di Paola

Print Friendly, PDF & Email

vi_centenario_nascita_san_francesco_di_paolaCORIGLIANO CALABRO (COSENZA) – In occasione dell’avvio dei festeggiamenti organizzati dall’Esecutivo Geraci per il VI centenario della nascita, a San Francesco di Paola ed ai Minimi, il prossimo sabato 2 aprile, sarà dedicata una strada cittadina.

A darne notizia, ieri sera 20 gennaio, in occasione della messa per la Madonna dei Miracoli, officiata nella Chiesa di San Francesco dalla Comunità dei Minimi, è stato il vicesindaco Francesco Paolo Oranges che da mesi sta curando contenuti, dettagli e relazioni dell’intera fase organizzativa di quest’importante e storico evento per la comunità di Corigliano.

Ad oggi – ha precisato Oranges, che in chiesa ha dato lettura della delibera di giunta sull’intitolazione – non esiste una via nominata al Santo Patrono della Città di Corigliano. Il tratto del centro storico che ha inizio a Piazza del Popolo e termina a Piazza Vittorio Veneto, denominato Via San Francesco, è riferito, infatti, al Santo di Assisi. A partire dal prossimo 2 aprile – ha continuato – la strada sarà, quindi, intitolata al Francesco che, nel 1478, ordinò alla sorgente del Bosco dell’Acqua di dirigersi verso il Santuario della S.S. Trinità, all’epoca in costruzione e che in seguito fece costruire il Ponte Canale.

L’Amministrazione Comunale – ha spiegato il vicesindaco – annette molta importanza a questa ricorrenza che è religiosa e sociale al tempo stesso, nella convinzione che il recupero delle tradizioni, della storia locale e del complessivo patrimonio identitario di una comunità rappresenti un momento di preziosa aggregazione spirituale e civica e di necessario ancoraggio, anche e soprattutto da parte delle nuove generazioni, alle comuni radici, per guardare con maggiore consapevolezza al futuro. E ciò – ha chiosato Oranges – anche da un punto di vista di progettazione turistico-culturale.

loading...

pubblicità