Vittorio Sgarbi: “I Bronzi di Riace ostaggio della ‘ndrangheta” · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Vittorio Sgarbi: “I Bronzi di Riace ostaggio della ‘ndrangheta”

BRONZI RIACE:DAL RITROVAMENTO AL RITORNO AL MUSEO/ SPECIALEIn vista dell’Expo 2015, Roberto Maroni e Vittorio Sgarbi hanno avanzato la proposta di trasferire temporaneamente i Bronzi di a Milano in modo tale da poterli esporre durante il periodo dell’Esposizione universale milanese del 2015. La proposta, hanno spiegato il presidente della Regione Lombardia e il critico d’arte, è di avere le statue in prestito “anche per un periodo limitato di due mesi” in cambio di “due dipinti di Caravaggio”.

Ma la diatriba non è finita qua poiché Vittorio Sgarbi, nominato “ambasciatore” della Regione Lombardia per le belle arti, in vista dell’Expo 2015, pur di coronare il sogno di portare le statue dei guerrieri a Milano, ha avanzato accuse pesanti; difatti dinnanzi alle incertezze dimostrate in merito allo spostamento delle statue che potrebbero essere troppo fragili per un viaggio, il critico d’arte ha risposto che sono solo “ostaggio della ‘ndrangheta”, ossia di quelle istituzioni locali che non vogliono separarsene. Alle parole di Sgarbi, che hanno destato clamore, ha replicato il presidente del Consiglio regionale, Francesco Talarico il quale ha dichiarato che “l’affermazione del prof. Vittorio Sgarbi lascia sbigottiti e contraddice persino il ruolo di promotore delle Bellezze d’Italia che lo stesso critico d’arte dovrebbe perseguire coerentemente al mandato conferitogli dal presidente Maroni”.

 D.D.M.

 

 

Commenta

loading...

pubblicità