Gioia Tauro: trasferite prime armi chimiche. Protesta: “Politici dove siete?” · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Gioia Tauro: trasferite prime armi chimiche. Protesta: “Politici dove siete?”

Print Friendly, PDF & Email

NAVE CON ARMI CHIMICHE A GIOIA TAUROGIOIA TAURO (RC) – Sono iniziate nel porto di Gioia Tauro le operazioni di trasbordo del carico di armi chimiche siriane dal cargo danese Ark Futura, arrivato all’alba di oggi, alla nave statunitense Cape Ray. Il via alle operazioni è stato dato dopo che il team di ispettori Opac ha controllato tipo, quantità e imballaggi delle armi chimiche. “Se tutto procede bene” come fino a questo punto, le operazioni di trasbordo delle armi chimiche siriane nel porto di Gioia Tauro “potrebbero concludersi entro 10 ore”.Trasferiti 40 container

Il trasbordo di armi chimiche nel porto di Gioia Tauro ha superato la metà delle operazioni con 40 container su 78 già caricati sulla Cape Ray. Lo riferisce all’ANSA la Capitaneria del porto calabrese. Mantenendo il ritmo di 6-7 container all’ora, si ipotizza che le operazioni saranno terminate in serata

Ritmo di 6 o 7 all’ora

“I container vengono trasferiti con un ritmo di 6-7 all’ora. E’ verosimile che l’operazione di trasbordo possa finire in 4-5 ore”. Lo ha detto un responsabile dei Vigili del fuoco in conferenza stampa nella Capitaneria di porto di Gioia Tauro. Le armi chimiche siriane sono arrivate a Gioia Tauro poco dopo le cinque. La nave danese Ark Futura che le trasporta è entrata in porto scortata da altre unità navali. Un elicottero sorvola la zona.

Trasportate 800 tonnellate di agenti chimici

La Ark Futura trasporta circa 800 tonnellate di agenti chimici, di cui 600 saranno trasferiti sulla nave americana Cape Ray arrivata martedì nel porto calabrese. Si tratta di 78 container: 3 di iprite e 75 di precursori del sarin, che saranno poi neutralizzati a bordo della Cape Ray. Le operazioni cominceranno dopo l’ormeggio in banchina e alcuni incontri tecnici. Il trasbordo avverrà sotto il controllo di un team di ispettori dell’Opac. Sono più di cento gli inviati e le troupe di testate italiane e internazionali accreditatesi in Prefettura a Reggio Calabria per seguire l’operazione di trasbordo delle armi chimiche che avrà luogo domani nel porto di Gioia Tauro. Da Al Jazira alla televisione tedesca, a quella della Svizzera italiana fino alla Cbs, sono numerose le troupe che seguiranno l’evento trasmesso in streaming nella sala stampa allestita dalla Prefettura in collegamento diretto con il porto di Gioia Tauro.

Galletti, Gioia Tauro scelta giusta

Quella di Gioia Tauro “è stata la scelta giusta, oggi lo ha dimostrato”. Lo ha detto il ministro dell’ambiente, Gianluca Galletti, incontrando i giornalisti dopo il suo sopralluogo nel porto alle operazioni di trasbordo delle armi chimiche, sottolineando “la professionalità e la tecnologia avanzata di cui l’Italia è all’avanguardia”.

Protesta, “politici dove siete?”

“Politici dove siete?”. E’ lo slogan della protesta inscenata dal Comitato quartiere Fiume e dalla Pro Loco di Gioia Tauro “per denunciare – hanno spiegato alcuni dei promotori – lo scempio ambientale che si sta verificando nella Piana da alcuni anni a questa parte”. Sullo striscione, sorretto da alcune donne che indossano delle mascherine, sono affisse le foto dei ministri degli Esteri, Federica Mogherini, e delle Infrastrutture, Maurizio Lupi.

loading...

pubblicità