Rassicurazioni di Scopelliti sulle armi chimiche a Gioia: “Operazioni normali” · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Rassicurazioni di Scopelliti sulle armi chimiche a Gioia: “Operazioni normali”

Print Friendly, PDF & Email

“Fino a quando non avrò elementi che possano supportare un’azione contraria rispetto a quanto scelto dal governo sono tranquillizzato dalle parole che vengono rappresentate ai vari livelli e da chi fa questo lavoro e che dice che al momento non risulta una pericolosità tale da chiedere una rivisitazione rispetto alla scelta di Gioia Tauro”.

Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, nel corso di un’audizione informale dell’ufficio di presidenza della Commissione Ambiente del Senato sulle problematiche ambientali connesse al trasbordo di armi chimiche siriane nel porto di Gioia Tauro.

“Negli incontri che abbiamo avuto a Palazzo Chigi rispetto alle iniziative intraprese dal governo per questa operazione ci è stato riferito che tra il 2012 e il 2013 sono state movimentati circa 3mila container di sostanze classificate 6.1, sostanze pericolose – spiega all’Agi Scopelliti – qui si tratta di circa 60 container e sia la Capitaneria di porto sia il terminalista e l’Ispra affermano siano normalissime operazioni come sono state fatte in altre circostanze”.

“Quindi non c’è nessuna pericolosità che viene registrata rispetto a questo tipo di intervento – prosegue il governatore calabrese – dal governo viene ricordato che verrà allestito dal terminalista un pronto soccorso da campo perchè si ritiene che la pericolosità in casi peggiori non comporta grandi elementi di criticità. Questo è quello che i presidenti di regione e gli enti locali hanno appreso – conclude Scopelliti – io ho detto ai parlamentari che mi hanno posto domande che se ci sono elementi di criticità maggiore che non conosco e che mi vogliono rappresentare sarò il primo a sostenere la battaglia per avere dal governo certezze, perchè prima di tutto viene la tutela del diritto alla salute dei miei concittadini e del mio territorio”.

loading...

pubblicità