I vescovi calabresi preoccupati per l’arrivo delle armi chimiche · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

I vescovi calabresi preoccupati per l’arrivo delle armi chimiche

CATANZARO – I Vescovi calabresi ”osservano con preoccupazione la vicenda della nave che attracchera’ nel porto di Gioia Tauro e che trasporta le armi chimiche della Siria. Se e’ vero che tale operazione puo’ essere letta in una prospettiva di rilancio del porto calabrese (per come evidenziato da alcune sigle sindacali) e’ altrettanto vero che solo ora il Governo italiano si e’ accorto della necessita’ di valorizzare tale presidio”.

 

E’ quanto si legge in una nota congiunta della Conferenza episcopale della Calabria nella quale i Vescovi della regione ”denunciano l’assoluta mancanza di comunicazione delle operazioni alle autorita’ locali preposte alla sicurezza e chiamate a rappresentare la popolazione, auspicando che tali delicatissime procedure siano fatte nella piu’ assoluta sicurezza al fine di garantire l’incolumita’ dei cittadini e del territorio. Si auspica, inoltre, che da tale vicenda si guardi al futuro di questo porto, volano per l’economia del Sud, con una attenzione diversa. Cogliendo le sue opportunita’ si valorizzino i suoi punti di forza rifuggendo luoghi comuni e stereotipi che, purtroppo, da tanti, troppi anni, accompagnano questa infrastruttura strategica per il domani di questa terra”.

”E’ giunto il momento – dicono i Vescovi – di riservare alla Calabria quella attenzione non piu’ procrastinabile per i suoi annosi problemi. I calabresi non possono piu’ sopportare che la gestione del quotidiano sia sempre e solo emergenziale. I Vescovi calabresi, in ogni caso, si riservano di approfondire la riflessione sulla vicenda nella prossima Conferenza Episcopale che si svolgera’ nei primi giorni del mese di febbraio”.

Commenta

loading...

pubblicità