Ecosistema scuola: su edilizia scolastica situazione emergenziale in Calabria · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Ecosistema scuola: su edilizia scolastica situazione emergenziale in Calabria

Print Friendly, PDF & Email

Una situazione drammatica per il Sud e per la Calabria in particolare quella sul fronte della sicurezza dell’edizilizia scolastica. E’ quanto emerge da Ecosistema scuola 2013, il rapporto annuale di Legambiente sulla qualita’ delle strutture e dei servizi della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado di 94 capoluoghi di provincia.

La mappa delle criticita’ nazionali evidenzia un forte ritardo sulla messa in sicurezza degli edifici: strutture site in aree ad alto rischio sismico e idrogeologico, necessita’ di interventi di manutenzione urgente, assenza di certificati di agibilita’ e di prevenzione incendi. E come spesso accade il Sud respira a fatica. Una fotografia dai toni chiaroscuri che mostra quanto sia urgente intervenire in questo settore. Nella classifica delle citta’ capoluogo, i centri calabresi figurano nella parte bassa della graduatoria: Catanzaro 74, Crotone 85, Reggio Calabria 78 (le altre province non hanno risposto alla ricerca). Nonostante il 23,3% degli edifici sia stato costruito tra il 1991 e il 2012 e l’eta’ media degli edifici sia piu’ bassa rispetto a quella nazionale, in Calabria c’e’ una maggiore necessita’ di interventi di manutenzione urgente (40,8% contro il 37,6%), segno da un lato di condizioni di partenza peggiori, ma forse anche della necessita’ di maggiori controlli e qualita’ sul nuovo che viene costruito. In una regione con il 75,5% degli edifici in aree a rischio sismico, sono soltanto il 20% quelli in cui e’ stata effettuata la verifica di vulnerabilita’ sismica. Nessun edificio e’ stato costruito secondo criteri antisismici e criteri di bioedilizia. E ancora: nonostante gli investimenti sulla manutenzione siano nella media nazionale, solo il 20,4% degli stabili e’ in possesso del certificato di collaudo statico e il 5% del certificato di prevenzione incendi. Preoccupante la situazione del capoluogo regionale: a Catanzaro nessun edificio scolastico e’ in possesso del certificato di agibilita’ e di certificazione igienico-sanitaria. Crotone e Reggio Calabria pur dichiarando di aver edifici scolastici in possesso di tali certificati non hanno fornito indicazioni sul numero.

”La questione degli edifici scolastici deve diventare una priorita’ nell’agenda politica nazionale e regionale – dichiara Salvatore Cozza del settore Scuola e Formazione di Legambiente Calabria – “in primo luogo per tutelare la salute degli studenti, ma anche e soprattutto per migliorare la qualita’ dell’apprendimento scolastico, che risente fortemente delle carenze strutturali degli impianti e dei servizi”.

loading...

pubblicità