Lotta alla mafia. Tagliato il trattamento economico accessorio ai dipendenti della Dia · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Lotta alla mafia. Tagliato il trattamento economico accessorio ai dipendenti della Dia

La lotta alla mafia tanto declamata nei discorsi pubblici non trova seguito nelle scelte dei governi che negli ultimi anni continuano a tagliare ai comparti delle Forze dell’Ordine in prima linea nella lotta alle cosche. E’ quanto emerge dall’inchiesta del settimanale L’Espresso http://espresso.repubblica.it/attualita/2014/01/03/news/lotta-alla-mafia-solo-a-parole-tagliati-gli-stipendi-della-dia-1.147714 che evidenzia come l’ultimo taglio alla Direzione Distrettuale antimafia riguardi il Tea, il trattamento economico accessorio che viene erogato ai 1.300 dipendenti della Direzione. Sino a due anni fa questa voce di bilancio – che rappresenta il 20 per cento dello stipendio – era considerata spesa obbligatoria.

 

Dal 2011 in poi, con le leggi di stabilità, il “tea” per i dipendenti dell’Antimafia rischia di diventare un miraggio, perché quelle somme non sono più stanziate automaticamente per legge, ma soggette alla discrezionalità dell’esecutivo che ne dispone il pagamento con successivo decreto.

Dal 2001 al 2012 – riporta sempre il settimanale –  “il bilancio della Dia è passato da 28 milioni di euro a 17. La Direzione investigativa sconta anche carenze di personale: per lavorare a pieno regime la pianta organica prevede circa 3 mila tra funzionari e investigatori. In servizio ce ne sono meno della metà.”

Commenta

loading...

pubblicità