Uil, un terribile 2013 e un 2014 con poche certezze · CalabriaPage LameziaClick

CalabriaPage Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, Calabria, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia

Uil, un terribile 2013 e un 2014 con poche certezze

Print Friendly, PDF & Email

CATANZARO – ”Un 2013 terribile e un 2014 con poche certezze!”. A dichiararlo e’ il Segretario della UIL calabrese, Roberto Castagna, che descrive il 2013 come ”l’anno in cui si sono sviluppate tante iniziative di mobilitazione e di lotta per denunciare una crisi senza precedenti e modificare manovre di governo, nazionale e locali, che hanno impoverito pesantemente e innescato una vera e propria bomba sociale, pronta ad esplodere.

I dati forniti dai vari Centri Studi descrivono una situazione da dopoguerra, per non parlare del Mezzogiorno e della Calabria, in particolare, dove meta’ della popolazione versa in una condizione di poverta’ quasi assoluta, dove la percentuale di disoccupazione e’ piu’ del doppio di quella nazionale e il lavoro per i giovani un sogno irrealizzabile. Un anno in cui la politica, nazionale e locale, – continua Castagna – ha rincorso le emergenze, attraverso l’utilizzo degli ammortizzatori sociali, non producendo alcuna azione di sviluppo e di crescita. Le uniche eccezioni hanno interessato la geografia interna ai partiti sia nel centro destra che nel centro sinistra, predisponendo una nuova condizione nel sistema politico che non manchera’ di far sentire i propri effetti sia sul piano di governo che su quello elettorale. Sfiducia, rabbia e disagio sociale hanno rappresentato e rappresentano il sentimento piu’ forte in tutti gli strati sociali. Un bisogno di cambiamento diffuso – sostiene Castagna – che fa i conti con una reazione conservatrice che, da destra a sinistra, mira a bloccare ogni istanza innovativa. In Calabria, la politica e’ fortemente impegnata nelle questioni interne, poco incline a ragionare di programmi e progetti utili ad aiutare imprese e lavoro ad uscire dalle difficolta’ enormi in cui versano, disattenta alle problematiche che riguardano i giovani ma propensa a rafforzare il clientelismo e il familismo”. ”Se escludiamo il risultato ottenuto su Lsu-Lpu – prosegue Castagna – frutto di iniziative e lotte durissime messe in campo dal Sindacato e dell’impegno della Giunta Regionale e della deputazione Pd-Sel sul versante del Governo Nazionale, tutto il resto, dalla sanita’, al settore industriale e artigianale, all’ambiente e al sociale, e’ stato un completo fallimento. Il 2014 rischia di essere la prosecuzione di un 2013 fallimentare perche’ al Governo Regionale e alla politica, nel suo complesso, manca una idea sullo sviluppo di questa Regione. Anche la vicenda dei Fondi Comunitari, risorse importanti per cambiare il tessuto socioeconomico, rischia di diventare solo un terreno di scontro inutile e dannoso fra maggioranza e opposizione e non elemento di confronto costruttivo per creare reali condizioni di avanzamento e di sostegno a quanti fruiscono di ammortizzatori sociali in deroga”.

”Come Sindacato, ma piu’ complessivamente come forze sociali ed economiche, siamo chiamati ad attivare una linea di emergenza nella quale collocare pochi ma importanti punti da mettere in campo per frenare la disoccupazione e creare occupazione sia sul versante pubblico che privato. Sul pubblico, partendo dalle Riforme sottoscritte e non ancora attuate (AFOR,ARSSA, RIORDINO ENTI, ecc.), accelerando il processo di stabilizzazione degli Lsu-Lpu e rivisitando, con criteri di trasparenza, il precariato che ruota attorno ad esso. Sul privato, utilizzando buona parte delle risorse comunitarie per incentivare realmente le imprese a crescere e ad assumere, magari utilizzando uno strumento che, nel passato, ha dato grandi risultati, quale il credito d’imposta o strumenti similari. Queste due iniziative – conclude Castgna – se ben utilizzate potrebbero, in tempi brevi, produrre almeno 15mila posti di lavoro”.

loading...

pubblicità